Al Bano e il ricordo di Berlusconi: “Quando Ylenia scomparve ecco cosa fece per me”

In una recente intervista, il cantante pugliese ha ricordato un bellissimo gesto del Cavaliere nei difficili giorni della scomparsa della figlia

La ferita per la scomparsa di Ylenia Carrisi è ancora aperta nel cuore dei suoi genitori. Se in passato è stata Romina Power a parlare più volte della misteriosa sparizione della ragazza, nelle ultime ore è stato invece Al Bano a raccontare alcuni dettagli dell’episodio che ha per sempre cambiato la sua vita. Un momento molto difficile per il cantante di Cellino San Marco, che è riuscito tuttavia ad affrontare meglio quei durissimi giorni anche grazie al supporto di amici e conoscenti, che si sono stretti intorno a lui facendogli sentire affetto e vicinanza. Tra questi, un posto speciale nei ricordi di Al Bano spetta a Silvio Berlusconi, come rivelato proprio dal cantante in una recente intervista.

Berlusconi e la scomparsa di Ylenia

I giorni della scomparsa di Ylenia, come raccontato in più occasioni anche da Romina Power, furono particolarmente difficili per la famiglia Carrisi. Era il 1994 quando, partita per un viaggio a New Orleans, la ragazza scomparve misteriosamente senza lasciare alcuna traccia.: il suo ultimo avvistamento fu proprio in un hotel della città della Louisiana il 6 gennaio 1994. Le ricerche continuarono per settimane, furono ascoltati molti testimoni, ma non si seppe mai cosa fosse successo alla primogenita di Al Bano.

Proprio in un momento così delicato, Silvio Berlusconi decise di far sentire tutto il suo supporto al cantante pugliese. I due si erano conosciuti per motivi professionali, poiché spesso Berlusconi aveva voluto ospite nelle sue trasmissioni Mediaset Al Bano in coppia con la moglie Romina tra gli anni ’80 e ’90. Il rapporto, tuttavia, era si era ben presto trasformato in una bella amicizia, che entrambi i protagonisti hanno spesso ricordato.

Al Bano e Berlusconi
Fonte: IPA
Al Bano e Berlusconi

“Era un uomo molto generoso, sul quale sapevo di poter contare. Non dimenticherò mai quando, dopo la scomparsa di Ylenia, mi ha chiamato chiedendomi se avessi bisogno del suo jet privato per gli spostamenti. Berlusconi in quel periodo mi è stato molto vicino” ha dichiarato commosso in una recente intervista a Eva3000 Al Bano. “Ogni giorno una telefonata o un telegramma: ogni giorno, quasi fosse uno di famiglia”. Un retroscena mai svelato, che il musicista ha voluto portare alla luce per rendere una sorta di omaggio postumo al Cavaliere, scomparso nel mese di giugno.

 

Al Bano e Romina, uniti dal dolore

Nonostante le ricerche, sia a bordo di piroscafi che di elicotteri, il corpo di Ylenia Carrisi, misteriosamente inghiottito dal Missisipi, non fu mai ritrovato. Secondo un testimone, la ragazza si sarebbe tuffata nel fiume venendo poi risucchiata dalle acque. A tal proposito, se Romina continua a credere che la sua primogenita sia ancora viva ricordandola spesso con dei post su Instagram, Al Bano è invece convinto che sia morta.

L’annegamento, a detta del cantante, sarebbe da imputarsi anche al consumo droghe: “Già una volta, sotto l’effetto di stupefacenti, era entrata nel Missisipi rischiando la vita. Ho nutrito per anni la speranza, ma oggi so che se n’è andata tra le acque del fiume” ha dichiarato in un’intervista al Corriere della Sera.  Un episodio estremamente doloroso che anche oggi, a distanza di 30 anni, continua a far male come allora.