Cos’è la sonnofilia o sindrome della bella addormentata?

La perversione della sonnofilia o sindrome della bella addormentata è una patologia caratterizzata da un'attrazione sessuale verso un partner in stato incosciente o addormentato

La sonnofilia è una perversione nota anche con i nomi di sindrome della bella addormentata e sindrome della principessa addormentata. In ambito psicologico, psichiatrico e sessuologico, la sonnofilia rientra nella categoria di parafilia. Questo termine deriva dal greco para (presso, accanto, oltre) e filia (amore) e viene utilizzato per indicare tutte quelle pulsioni sessuali caratterizzate da impulsi ricorrenti o fantasie che per attivarsi necessitano di situazioni o attività specifiche. Dei comportamenti sessuali atipici verso i quali il soggetto sente una forte eccitazione erotica, la quale viene però vissuta con una certa egodistonia (disagio verso gli atti già compiuti e quelli in corso di svolgimento). La sonnofilia è una perversione caratterizzata da un’eccitazione più mentale che fisica. In questa categoria di parafilia rientra la sonnofilia.

Con il termine sonnofilia o sindrome della bella addormentata s’intende una patologia caratterizzata da un’eccitazione che trova stimolazione attraverso carezze o altri metodi, esclusi strumenti anestetici o violenti, che inducono il partner ad addormentarsi. Oltre ad addormentarsi, questo piacere sessuale può portare alla perdita di coscienza. Il partner affetto da questa patologia può essere uomo o donna, etero o omosessuale. Ciò che differenzia la sonnofilia dalle altre parafilie è l’inutilizzo di strumenti, atti violenti e, cosa molto importante, la penetrazione deve essere assente. Visti i modi in cui essa si pratica, molti medici la definiscono come una sorta di fantasia onirica. Dietro la sonnofilia si nasconde una tendenza sadomasochista che rifiuta la penetrazione e quindi l’orgasmo.

In alcuni casi la sindrome della principessa addormentata è usata per indicare tutti quei comportamenti sessuali espliciti e intimi, attuati sul partner sonnolento, dormiente o incosciente. Bisogna ricordare che lo stato d’incoscienza non deve essere provocato da farmaco alcuno ma in seguito al volere del partner “passivo” (fingendo di dormire). Questa pratica è molto amata dai Giapponesi, tant’è che stanno, sempre più frequentemente, crescendo dei locali specializzati in sonnofilia. In questi ambienti, i clienti entrano in stanze da letto, dove trovano ragazze che fingono di dormire. Il piacere è circoscritto al sonno, all’immobilità e alla sottomissione del partner (in questo caso della ragazza) che riceve carezze delle quali “al suo risveglio” non avrà memoria.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cos’è la sonnofilia o sindrome della bella addormentata?