I sensi di colpa sono una zavorra che dobbiamo lasciare andare

Non dobbiamo mai mettere a tacere i sensi di colpa che si palesano dentro di noi, non prima di averli ascoltati perché è da quelli che possiamo imparare

Ci sono alcuni periodi, più degli altri, che ci costringono a fare i conti con quello che è stato e che poteva essere. Sono gli stessi durante i quali ci lasciamo trascinare e coinvolgere completamente da quelli che sono i nostri sensi di colpa. Perché anche se li abbiamo silenziati e ignorati, loro tornano più prepotenti che mai, e sono destinati a condizionare la nostra vita.

Lo fanno per ricordarci gli errori che abbiamo commesso, le promesse che non abbiamo mantenuto, le cattive abitudini che abbiamo preservato. Ma anche per costringerci in qualche modo ad accettare richieste e situazioni solo per non deludere le aspettative degli altri.

Così ci sentiamo perennemente colpevoli di qualcosa, sia che lo siamo davvero o che non lo siamo affatto. Perché ci sembra sempre di aver trasgredito, di non aver rispettato quelle tacite regole morali che ci appartengono. Di aver sbagliato tutto. Ed è quando ci sentiamo così che ci costringiamo a vivere con delle ingombranti zavorre emotive.

Il senso di colpa

Il senso di colpa è un’emozione con la quale tutte abbiamo dovuto fare i conti almeno una volta nella vita. È successo quando abbiamo dovuto ammettere che le nostre scelte si sono rivelate fallimentari, ma anche quando ci siamo ritrovate ad assecondare le esigenze degli altri e non le nostre. Perché è difficile dire di no a qualcuno che amiamo, ma quando non lo facciamo, allora, accontentiamo gli altri e mai noi stesse.

I sensi di colpa arrivano così, in diversi momenti e in differenti situazioni, ma tutti si palesano con la medesima voce ingombrante che ci fa sentire colpevoli, reali o presunti. A volte queste emozioni riguardano il passato e il presente, le nostre scelte o le relazioni che viviamo, altre volte arrivano proprio dalle persone che ci circondano. Ma indipendentemente dai casi non ci lasciano scampo.

Perché ci scoraggiano e ci intristiscono, a volte addirittura ci paralizzano. Lo fanno perché sanno bene come andare a toccare quelle corde più sensibili che sono dentro di noi. I sensi di colpa ci manipolano e ci impediscono di crescere, di migliore di evolverci, perché ci tormentano e ci bloccano in un posto in cui nessuno dovrebbe stare, una sorta di prigione emotiva che non ci rende libere.

Ma la verità è che, per quanto potentissimi possano sembrare i sensi di colpa, il potere che ci appartiene per natura è molto più forte di quanto possiamo immaginare. Ed è lo stesso che ci permette di superarli.

Come liberarsi dai sensi di colpa

Non dobbiamo mai mettere a tacere i sensi di colpa che si palesano dentro di noi, non prima di averli ascoltati. Ma guai a invitarli a entrare nella nostra vita, perché sanno trasformarsi in ospiti ingombranti, in vere e proprie condanne che pesano sul nostro cuore e sull’anima.

Quando il senso di colpa si presenta è perché, probabilmente, c’è qualcosa che non abbiamo risolto o affrontato. Forse siamo davvero colpevoli di un errore o di una decisione sbagliata, ma chi non lo è? Se ci rendiamo conto di questo, allora, non ci resta che perdonarci. Qualsiasi scelta, giusta o sbagliata che sia, ci ha portato dove siamo oggi. E se è vero che nulla può essere cancellato, è altrettanto vero che tutto ciò che facciamo ci insegna qualcosa.

Quando arrivano i sensi di colpa affrontiamoli. Assumiamoci la responsabilità di quello che è stato e di quello che abbiamo fatto, e trasformiamoli in maggiore consapevolezza per imparare da noi stesse. Apriamoci, quindi, a quegli insegnamenti. Accogliamoli, ma prima lasciamo andare tutte quelle zavorre emotive che ci impediscono di affrontare il viaggio verso la felicità.