Il pianto e la relazione con mamma e papà

I motivi per cui i bambini piangono possono essere molteplici e pensare di riuscire sempre a comprendere la causa del pianto è una partita persa, sebbene il tipo di pianto del bambino può essere utile per comprendere alle volte il motivo che sta alla base.

E’ importante tuttavia comprendere quali interventi del genitore possono essere utili per calmare il pianto e che effetto hanno tali interventi nel determinare la relazione madre-figlio e padre-figlio.

Alle volte è un pianto che comunica la fame (e che è a ridosso degli orari del pasto), altre volte è una richiesta di attenzione (vuole essere preso in braccio, vuole il biberon anche se solo con un po’ d’acqua o camomilla, vuole il ciuccio) e così via.

Il focus dell’attenzione rimane sulla relazione: è utile prestare attenzione alle nostre modalità di calmare il bambino e tenere presente che queste, oltre che rispondere ai bisogni del bambino, hanno sempre più, con il passare dei mesi, un significato relazionale.

Consulenza scientifica della Dott.ssa Roberta Milzoni, Psicologa e Psicoterapeuta

Fonte:

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il pianto e la relazione con mamma e papà