Festa delle donne: perché l’8 marzo?

Comunemente si ritiene che l'8 marzo, festa della donna, commemori la morte delle operaie nel rogo della fabbrica Cotton, ma l'origine della festa ha una connotazione completamente diversa.

La festa della donna è una celebrazione molto sentita dalle donne di tutto il mondo che almeno una volta l’anno, si sentono protagoniste indiscusse di un evento. Questa festa rappresenta per le donne un sentimento di uguaglianza rispetto al mondo al maschile che storicamente ha dominato la scena sociale oscurando il ruolo della donna nel mondo.

Quando si parla della festa della donna si racconta sempre della storia della fabbrica Cotton di New York, dove morirono decine di operaie cui fu impedito di fuggire dal rogo che stringeva l’edificio. Quello che però è poco noto è che prima di tutto l’origine della festa della donna non fa riferimento a questo evento. Secondo poi, il rogo della fabbrica Cotton in realtà non è mai avvenuto.

Certamente è vero che con la festa della donna si possono sfatare molti dei luoghi comuni che gravitano attorno all’universo femminile, proprio perché si ha l’occasione di raccontare al mondo cosa significa veramente essere una donna nella società moderna. Per questo motivo è giusto sfatare anche questa leggenda del rogo alla Cotton.

La festa della donna nasce infatti il 28 febbraio 1909 negli Stati Uniti, un anno dopo il fantomatico incendio che devastò la fabbrica. Il motivo che spinse il Partito socialista americano ad istituire questa ricorrenza fu una grande manifestazione in favore del diritto di voto a tutte le donne. Oggi può sembrare scontato, ma le donne hanno questo diritto da molto meno tempo di quanto ci si aspetti, quindi mentre si pensa a come festeggiare l’8 marzo, è bene ricordare che alla base di questa celebrazione non c’è una disgrazia, ma la ferma volontà delle donne di affermare i diritti di genere.

Dopo il 1909 molti altri stati hanno istituito una giornata dedicata alle donne. In gran parte delle volte in cui una tale giornata di celebrazione è stata istituita e riconosciuta dal popolo e dai governi, la spinta principale era legata a movimenti di partito. Partiti politici e altre istituzioni di sinistra si sono battuti per i diritti delle donne di tutto il mondo, fino a ottenere parità di trattamento.

Anche in Italia la festa della donna ha preso piede, ma in leggero ritardo. L’8 marzo del 1946 ci fu la prima celebrazione ufficiale e venne scelta la mimosa come simbolo della festa.
Anche se oggi l’8 marzo si festeggia regalando fiori, bevendo cocktail e facendo sentire le donne speciali, ricordiamo sempre che dietro questa lieta giornata ci sono secoli di lotta sociale.

Immagini: Depositphotos

Festa delle donne: perché l’8 marzo?
Festa delle donne: perché l’8 marzo?