Quali piante mettere in cucina

Scopri tutte le migliori piante aromatiche che necessitano di poca luce e non troppe cure. Dona un tocco di vivacità alla tua cucina

Rendere la propria cucina accogliente e graziosa con una serie di piante resistenti e che necessitano di poca luce è sempre una buona idea. Così facendo, sarà possibile rendere l’ambiente più profumato e sicuramente più rilassante durante la preparazione di abbondanti pranzi per amici e parenti.

Le piante da cucina non sono solamente ideali per creare un’atmosfera gradevole, bensì anche per dare un concreto contributo, assolutamente gustoso, alle proprie pietanze. Verdi, belle e tanto buone, così buone da rendere ogni piatto una vera e propria delizia!

Come scegliere le piante per la cucina

Non tutti gli appartamenti sono sufficientemente illuminati da permettere la sopravvivenza di qualsiasi tipo di pianta ed è per questo che sarebbe bene optare per specie vegetali in grado di resistere a moltissime situazioni, ma soprattutto ad ambienti con poca luce. Alcune piante da cucina, infatti, sono perfettamente in grado di crescere floride anche in semioscurità. In realtà, vi sono piante che prediligono proprio questa condizione e sono quelle che vantano un colore ben deciso, indicatore dell’alto livello di clorofilla presente al loro interno.

E dunque, non solo piante rigogliose e dai colori intensi per abbellire la propria cucina, ma anche piante aromatiche fondamentali per la preparazione di pranzi e cene: molto gradevoli e facilmente utilizzabili sia fresche, che surgelate o essiccate a seconda delle esigenze. Un connubio perfetto tra bellezza e ornamento e utilità: in un bellissimo vaso dai colori sgargianti.

Hai già scelto quale pianta renderà la tua cucina graziosa e profumata? Abbiamo pensato per te a moltissime specie, ognuna con le proprie caratteristiche, non dimenticando mai che potrebbero crescere in una cucina poco illuminata e che le molte ore di lavoro potrebbero impedirti di dedicare loro troppo tempo.

Prezzemolo

Il prezzemolo è una pianta aromatica da cucina molto diffusa e apprezzata; un’erba particolarmente versatile che si adatta a molteplici abbinamenti e regala sicuramente un tocco in più ai piatti.

Si sposa perfettamente con qualsiasi tipo di verdura: cetrioli, peperoni, zucchine, patate e aromatizza in maniera eccezionale i legumi. È quasi ormai di tendenza trovare il prezzemolo anche in moltissime centrifughe proposte al bar, insieme alla frutta, e scoprire abbinamenti gustosi con carota e mela.

Gli amanti della cucina tradizionale, poi, potranno utilizzare il prezzemolo anche per preparare un ottimo pesto fatto e in casa e dare un pizzico di sapore in più alle insalate di riso. È possibile rendere gustosi anche piatti di pesce e di carne, così come zuppe e ripieni per l’arrosto: sarà sufficiente sminuzzare il prezzemolo ed aggiungerlo in modeste quantità ai piatti a fine cottura.

Sansevieria

Tra le più resistenti piante da cucina che necessitano di poca luce troviamo la sansevieria: si contraddistingue da tutte le altre specie per le sue foglie lunghe ed appuntite ed è l’ideale per arredare la casa e conferire un tocco di classe all’ambiente. Con il minimo sforzo, infatti, la resa sarà grandiosa!

Questa pianta da cucina si adatta facilmente ad ambienti poco illuminati, ma è importante mantenerla alla larga da fonti di eccessivo calore. Parliamo di una pianta che appartiene alle erbacee perenni e, pertanto, non necessita di cure particolari o attenzioni costanti: resiste eccezionalmente all’ombra, predilige un ambiente umido e richiede una minima quantità di acqua. Questa specie donerà certamente un tocco di colore in più alla tua cucina

Se non hai troppa esperienza in materia, la sansevieria potrebbe essere un ottimo inizio per fare un po’ di pratica.

Timo

Molto fresco e saporito è anche il timo, una pianta aromatica da cucina davvero molto utilizzata per insaporire le pietanze. Cresce serenamente e rigoglioso in ambienti aridi e sassosi, non richiede una cura particolare ed è dunque molto semplice da coltivare anche nella cucina di casa.

Il timo è l’erba perfetta per aromatizzare piatti di diverso genere e, tendenzialmente, si usa proprio nella preparazione di minestre, zuppe, vellutate e squisito è anche l’abbinamento con i legumi. È tipico sia della cucina araba, sia della cucina europea e si consuma facilmente essiccato o fresco.

Se hai in mente qualche buon piatto di pesce, non potrai rinunciare ad utilizzare il timo: presenta in tavola un gustosissimo piatto di moscardini in umido. Dona un pizzico di gusto in più anche al pollo marinato, insieme a olio e limone.

Filodendro

Abbellire la tua cucina con una bellissima pianta, non sarà mai stato così semplice e divertente. E quindi ti presentiamo il filodendro, una pianta molto resistente che sopravvive in ambienti poco illuminati. Appartiene alla specie delle Aracee, non richiede cure costanti, tantomeno un apporto di acqua elevato. Predilige, senza dubbio, l’ombra e adora ricevere luce indiretta.

È però importante assicurarsi che la temperatura non scenda mai sotto i dieci gradi, così da mantenere un ambiente ottimale. Preoccupati sempre di verificare, poi, che la terra sia asciutta ed evitare annacquamenti spiacevoli.

Insomma, il filodendro rientra tra le migliori opzioni per conferire un tocco di verde ed eleganza allo stesso tempo alla propria cucina: le sue grandi foglie di un verde smeraldo regalano senz’altro un’atmosfera quasi tropicale.

Origano

L’erba aromatica da cucina che per eccellenza si abbina al classico sugo di pomodoro è l’origano. In realtà, in generale, l’utilizzo dell’origano è molto diffuso anche nella preparazione di tartine, pizze e piatti salati. Un’erba straordinaria che porta con sé tutto il sapore del Meridione e che dona grinta anche alle verdure: melanzane, peperoni, zucchine cavolfiori.

Il condimento più azzeccato anche per i legumi, insalate e pasta fredda. Davvero irrinunciabile!

Aglaonema

Ne avevi mai sentito parare? L’aglaonema è una pianta da cucina molto resistente, perfettamente in grado di purificare l’aria circostante e perfetta per ravvivare l’ambiente. Questa cresce molto bene anche in luoghi scarsamente illuminati ed è nota per il suo forte senso di adattamento.

Vanta un verde sgargiante che sicuramente regala un tocco di allegria e, come accade per molte altre specie, non necessità di un’enorme quantità di acqua. Prestare attenzione all’irrigazione di una pianta è fondamentale per evitare spiacevoli sorprese: evitare che il sottovaso si riempia di acqua è la prima regola da rispettare.

Maggiorana

Molto usata in cucina è anche la maggiorana, un’erba aromatica dal sapore molto delicato, davvero simile a quello dell’origano.

Viene utilizzata per la preparazione di moltissimi piatti gustosi, alcuni a base di carne, altri di pesce e verdure. In realtà, però, il miglior modo per beneficiare di tutti i vantaggi di questa erba da cucina è proprio consumarla come infuso, dopo i pasti. È consigliabile non esagerare, come sempre, ma un consumo equilibrato potrà fare solamente bene all’organismo.

Questa erba aromatica da cucina, inoltre, è un ottimo e sano sostituto al sale, in quanto conferisce un condimento gustoso, ma per nulla grasso.

Edera

L’edera è una bellissima pianta da cucina in grado di crescere rigogliosa anche con poca luce a disposizione e poche cure.

In particolare, l’Edera Helix, appartiene alla famiglia delle Araliacee ed è perfettamente in grado di vivere molto bene anche in ambienti che non offrono la possibilità di avere molta illuminazione: infatti, non è adatta solamente per l’esterno, bensì anche per l’interno. La temperatura ideale in cui far crescere la pianta è, senza dubbio, tra i 7 ed i 15 gradi.

È però importante avere una cura ed attenzione particolari solo ne periodo estivo, per la quale l’apporto di acqua richiesto è superiore; in estate, invece, è bene irrigare la pianta solo quando noti che il terriccio è asciutto e vaporizza le foglie frequentemente. Potrebbe essere questa la pianta perfetta per la tua cucina?

Erba cipollina

Gustosa e facile da coltivare: stiamo proprio parlando dell’erba cipollina! Nonostante il sapore sia  molto delicato, ma allo stesso tempo deciso, non è detto che possa piacere obbligatoriamente a tutti. Se sei amanti di gusti particolari ed originali, però, questa potrebbe essere la pianta giusta da tenere nella tua cucina.

L’erba cipollina è ricchissima di proprietà, tra cui vitamine C e B, insieme a calcio, sali minerali, magnesio e moltissime fibre. Inoltre, sei a conoscenza dei suoi incredibili benefici lassativi? È l’ideale per mantenere i reni in buona salute e depurare l’intero organismo dalle tossine; aiuta anche il benessere del cuore, stimolando l’irrorazione sanguigna.

Per sfruttare al meglio in cucina tutti i benefici di questa erba aromatica, è consigliabile utilizzarla cruda e nulla vita di sostituirla alla cipolla per cucinare soffritti, carne, pesce e zuppe. Potresti anche scegliere di utilizzarla insieme ad altre erbe per conferire un pizzico di sapore in più ad insalatone, formaggi e patate.

Zamia

Per ultima, ma non meno importante, troviamo la zamia: una pianta da cucina molto resistente che dona un tocco di colore all’ambente circostante.

È davvero molto facile da coltivare, non richiede attenzioni costanti e resiste perfettamente a qualunque condizione, persino negli spazi poco illuminati; richiede poi un apporto di acqua adeguata alla stagione. La forma delle sue foglie è molto particolare e riscuote sempre un gran successo tra le amanti di piante e fiori.

Nonostante stia nella penombra, il verde lucido e la sua forma lussureggiante non permetteranno che passi inosservata.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Quali piante mettere in cucina