Body positivity: i profili IG che ci aiutano ad accettarci e volerci più bene

Sui social non si fa altro che parlare di body positive e amore per se stessi, ecco i profili da seguire per non sentirsi soli e vivere meglio

Foto di Malvina Berti

Malvina Berti

Beauty Editor

Beauty editor dal 2017, ha collaborato con le più importanti realtà editoriali, da Condé Nast a Hearst, passando per il gruppo RCS. Capo redattore del ClioMakeUp Blog (2017-2019) ha vinto il premio MacchiaNera Internet Awards nel 2018 come "Miglior sito di bellezza".

Non si fa altro che parlare di body positive e accettazione. Di volersi più bene e imparare ad amare i propri difetti, ma com’è possibile in una società mediatica che costantemente propone – soprattutto alle generazioni più giovani – visioni distorte di una bellezza stereotipata?

Ecco i 7 migliori profili da seguire su Instagram a tema skin & body positive per aggiungere una sferzata di good vibes ad ogni giornata. Lo scopo? Debellare dalla mente e dai social alcuni preconcetti tossici che creano dei veri e propri danni tra i giovani, come la Grassofobia e il Thin Privilege, ma anche eliminando quei pregiudizi che riguardano la pelle, ovvero che solo la perfezione vada bene e che tutte le “imperfezioni” siano da condannare.

Body positivity: i 7 profili da seguire su Instagram

Quando l’impatto della società inizia a “confondere le idee” sono i dubbi più profondi nella psiche di ognuno ad avere la meglio, sviluppandosi poi in vere e proprie patologie, come il dismorfismo. Per questo motivo, nel ring che sono oggi i social media stanno comparendo sempre più profili a tema body positive, per veicolare messaggi che aiutino ad amare e apprezzare di più il proprio corpo e la propria persona a 360°.

Il movimento body positive promuove l’idea che tutte le persone meritino di vivere in maniera positiva il rapporto con il proprio corpo, a prescindere da cosa vuole la società e da come la cultura interpreta il “corpo perfetto”. Acne, smagliature, macchie della pelle e cellulite non sono più imperfezioni da nascondere o combattere ma dettagli naturali della pelle.

Lex, quando la rosacea non è più un problema

Lex Gillies è una giovane ragazza inglese che insegna sui social ad amare la rosacea, un disturbo cutaneo che provoca arrossamento e mette in evidenza i vasi sanguigni, solitamente nella parte centrale del viso.

Il suo account è non solo un luogo di scambio tra persone che soffrono della stessa problematica ma anche un posto dove imparare a curare e trattare la rosacea, senza nasconderla sotto pensanti strati di make-up ma imparando ad apprezzarne ogni sfumatura.

Belledifaccia, il profilo Made in Italy contro la grassofobia

Uno degli account più divertenti e irriverenti del web si chiama @belledifaccia ed è stato fondato da Mara e Chiara. All’interno del loro canale parlano di auto-accettazione e di Fat Acceptance un tema molto scottante sui social.

Con vignette e illustrazioni, raccontano (senza peli sulla lingua) la vita delle persone in sovrappeso e la quantità di pregiudizi e archetipi a cui sono costantemente sottoposte. Un modo schietto e frontale per trattare realmente il concetto di body positive, senza nascondersi dietro finti buonismi ma indagando veramente le cause della discriminazione di genere.

Laura Brioschi, imparare ad amare il proprio corpo è fondamentale

Laura Brioschi è una modella e attivista molto famosa e apprezzata dal popolo di Instagram. Con il suo hashtag ufficiale #curvyisnotacrime insieme alla sua community crede fermamente che ogni donna sia bellissima, a prescindere dalla taglia che indossa.

Dopo aver sfilato sulle passerelle più importanti al mondo, Laura ha mostrato come si è “rimpossessata” del suo corpo, smettendo di adeguarsi alla società e scoprendo un nuovo modo di vivere la sua corporeità. Recentemente ha anche creato un brand body positive di intimo e costumi da bagno, creando delle taglie (reali e comode) per ogni tipo di fisicità, dalla XS alla XXXL. Perché ogni corpo merita di sentirsi bello.

Anna Sweeney insegna a non giudicare i disturbi alimentari

Quando si parla di body positive, spesso ci si concentra unicamente sulle problematiche delle persone sovrappeso: questo è errato. La filosofia body positive infatti vuole aiutare a normalizzare e accettare ogni tipo di fisicità, eliminando alla radice il giudizio nei confronti del corpo.

Lo sa bene Anna Sweeney sui social @dietitiananna dietista specializzata nel trattare i disturbi alimentari. Il suo account è una fonte incredibile di consigli per imparare ad avere una sana relazione con il cibo.

Muriel una giovane donna che parla di inclusività

Influencer e attivista LGBTQ+ sulla sua pagina Instagram, Muriel (sì è il suo vero nome) parla apertamente della sua vita, del rapporto con il suo corpo e di tutto ciò che riguarda l’inclusività.

Un mondo colorato e aperto al dialogo quello che ha creato per la sua community che si sente incoraggiata a raccontarsi senza aver paura del giudizio e incontrando in lei una confidente e amica, pronta ad aiutare in qualsiasi momento. Una figura di riferimento anche per le persone trans che stanno iniziando il percorso di transizione, tematica molto cara all’influencer.

Alex Light, volto internazionale del movimento Body Positivity

Alex è un’attivista, blogger e influencer che parla unicamente di body positivitiy. Come lei stessa racconta sul suo canale ha superato vari disturbi alimentari e di autostima. Oggi finalmente, attraverso un lungo percorso si sente in pace con il proprio corpo.

Il suo profilo tratta la tematica di “prendere peso” una paura che angoscia moltissime donne (e non solo) e che spesso porta a meccanismi dannosi per la salute. Con la propria esperienza Alex racconta del cambiamento del suo corpo e di come la sua vita è migliorata, superando la paura che aveva per il cibo.

Nyome Nicholas-Williams, la modella giamaicana rasata e curvy

Con il suo account @curvynyome da 78,3 mila follower la modella e influencer giamaicana Nyome Nicholas-Williams vuole diffondere messaggi di positività e accettazione, sostenendo l’importanza della salute mentale.

Mostrandosi completamente al naturale Nyome sfida i preconcetti sociali attraverso i suoi scatti fotografici e ridefinisce attraverso l’obbiettivo come il corpo delle donne deve essere guardato. Non solo quindi paladina di una bellezza non convenzionale, l’attivista ha recentemente “sfidato” le politiche sulla nudità di Instagram, sostenendo che l’app censurasse maggiormente i corpi neri. Da allora Instagram ha aggiornato le proprie policy.