Uomo e casalingo: i trucchi per educarlo

Avere un uomo che fa metà dei lavori di casa non è sempre un'abitudine comune. Ecco come convincerlo...

Anche in una coppia in cui entrambi i partner lavorano, spesso la maggior parte delle faccende domestiche, dall’organizzazione della casa alle banali pulizie, sono a carico della donna. Come è possibile che nel ventunesimo secolo si sia ancora così legati alla tradizione in un contesto in cui si insiste a definire la donna “emancipata”? Forse è solo una questione di mentalità: e allora come abituare il nostro uomo a pensare che le faccende domestiche competono anche a lui in misura uguale a noi?
Ecco qualche piccolo consiglio, elargito niente meno che da Forbes, su come “educarli”:

Cambiate linguaggio (e mentalità)
Non insistete a chiedere “aiuto” ai vostri uomini. L’idea di dare aiuto implica che una cosa non è una loro primaria responsabilità. Portare avanti la casa è invece responsabilità di entrambi, al 50%. Sia che la donna lavori, sia che sia casalinga, poco importa. In entrambi i casi contribuisce al mantenimento e al buon andamento della casa, quindi è giusto che anche l’uomo vi partecipi in egual misura.

Pretendete molto
Chiunque, se invitato a fare una cosa, lo eviterebbe volentieri. A maggior ragione se si tratta di faccende domestiche, gli uomini non si sognano nemmeno di dedicarvisi se non esplicitamente invitati. Evitate espressioni quali “Cosa ne diresti di lavare i vetri?”. Voi stesse rispondereste picche, se poteste scegliere. Non dovete lasciare scelta al vostro uomo e, col tempo, pretendere che molte cose le capisca anche da solo.

Trascorrete del tempo in compagnia di famiglie in cui l’uomo partecipa alla gestione familiare
Se uscite principalmente con famiglie che hanno un’organizzazione tradizionale, in cui è la donna a fare la maggior parte del lavoro, le tesi del vostro lui saranno avvalorate. Se invece trascorrerete la maggior parte del tempo con famiglie in cui l’uomo partecipa attivamente all’organizzazione domestica, anche il vostro lui si sentirà spronato.

Non siate sempre negative
Se l’uomo mostra buona volontà nell’aiutarvi nelle faccende, non continuate a criticare il suo operato. Anzi, elogiatelo e ditegli spesso che senza di lui non sapreste come fare.

Comunicate e pianificate
Esattamente come al lavoro, a casa non vagate nell’incertezza. Incontratevi spesso per parlare delle cose da fare e pianificare. I ruoli devono ovviamente essere intercambiabili, in modo da poter far fronte alle emergenze.

Scioperate
Se anche tutto questo non funziona, entrate in sciopero. Rifiutatevi di occuparvi voi di tutto. Lasciate che la casa diventi di giorno in giorno più sporca, in disordine e che le pile di cose da stirare si accumulino. Vedrete che se ne accorgerà e alla fine capirà che deve necessariamente darvi una mano.

Siate un buon esempio per i figli
Ricordatevi che i vostri figli osservano tutto e prendono atto. Vedere papà e mamma che partecipano al 50% al buon andamento della casa, farà sì che a loro volta concepiscano un rapporto uguale quando saranno grandi: i maschi si abitueranno ad aiutare in casa, le femmine sposeranno uomini che le aiuteranno in casa. Un risultato impagabile!

Fonte: DiLei

Uomo e casalingo: i trucchi per educarlo