Kabir Bedi, il dramma della morte del figlio: “Ho fatto il possibile per salvarlo”

Ospite in collegamento a "Oggi è un altro giorno", Kabir Bedi ha ricordato il tragico suicidio di suo figlio Siddarth

Tutti noi lo ricordiamo come il bellissimo e coraggiosissimo Sandokan, ma che fine ha fatto Kabir Bedi, l’attore che gli ha prestato il volto? Ospite della nuova puntata di Oggi è un altro giorno (in collegamento video dall’India), ha ripercorso un po’ la sua carriera e ha affrontato un tema molto delicato, ricordando quello che è stato il dolore più grande della sua vita.

Kabir Bedi, la morte del figlio

La vita privata di Kabir Bedi è stata piuttosto movimentata: quattro mogli, tanti flirt (alcuni confermati, altri solo chiacchierati) e tre splendidi figli. Il suo secondogenito Siddarth, nato dal primo matrimonio con Protima Bedi, si è tolto la vita all’età di appena 26 anni. Soffriva di una profonda fragilità psichica, che in un primo momento era stata diagnosticata come depressione e solo in seguito ha mostrato il suo vero volto: si trattava di schizofrenia. L’attore ne ha parlato a lungo nel suo ultimo libro intitolato Storie che vi devo raccontare.

“È stato il capitolo più difficile per me da scrivere, ha riaperto molte ferite dentro di me. Parla di un padre che cerca di evitare che suo figlio si suicidi, ma parla anche di coloro che si occupano di chi è affetto di schizofrenia e di quello che vivono” – ha affermato Kabir – “Il tentativo di salvare mio figlio fu una cosa che mi diede tanto dolore, e io quel dolore dovetti condividerlo con altre persone”. Siddarth si è suicidato nel 1997, ma la sofferenza non si è mai placata davvero. Eppure, con quel dramma suo padre ha dovuto fare i conti ormai tanto tempo fa.

“Gli volevo un bene dell’anima, era un genio. Era laureato alla Canergie University all’alba dell’età informatica, era brillante. Non ti potevi immaginare una vita del genere” – ha rivelato Kabir Bedi, parlando di suo figlio. “Quando prese quella decisione, io la dovetti accettare”. Nonostante l’immenso dolore, l’attore è riuscito ad andare avanti: “So di aver fatto il possibile per salvarlo. Ovviamente c’è un senso di colpa, pensi sempre che avresti potuto fare qualcosa di più. Ma con il senno di poi so di aver fatto del mio meglio. Alla fine ho accettato la sua decisione, indipendentemente da quanto sia stata dura per me”.

Kabir Bedi, il rapporto con Romina Power

Nel corso della lunga intervista con Serena Bortone, l’attore indiano ha avuto modo di parlare di molti aspetti della sua vita, anche di quelli più allegri e spensierati. Dai suoi matrimoni, che l’hanno portato oggi ad essere felice accanto alla moglie Parveen Dusanj, sino a quello che è stato uno dei flirt più sognati dal pubblico italiano ormai parecchi anni fa. Stiamo parlando della liaison sentimentale che, secondo le indiscrezioni dell’epoca, sarebbe nata tra Kabir e Romina Power.

Dopo aver mandato in onda un breve spezzone di uno show in cui i due si scambiarono un passionale bacio (o finsero di farlo), la Bortone ne ha approfittato per cercare di fare luce sulla questione. Purtroppo senza successo: “Questo rimarrà per sempre un segreto tra Romina e me” – ha rivelato l’attore – “Qualcosa deve sempre rimanere nel mistero”. Di certo, il suo fascino di latin lover ha fatto cadere moltissime donne ai suoi piedi, ma oggi c’è un solo amore nella sua vita.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Kabir Bedi, il dramma della morte del figlio: “Ho fatto il possibile...