Perché piaccio a chi non mi piace e mi piace a chi non piaccio?

Quali sono le ragioni per cui tendi ad attrarre persone che non ti piacciono mentre invece chi ti piace non mostra interesse per te

Foto di Elisa Cappelli

Elisa Cappelli

Pilates Trainer, Insegnante Tai Chi e Yoga Taoista, Movimentoterapista

Laurea in Filosofia e Master in Giornalismo Internazionale LUISS. Trainer certificata CONI e FIF (Mat base e avanzato). Studia Anatomy in Motion (Gary Ward) e Qi gong.

Piacere e farsi piacere: come innescare l’attrazione

Il discorso della seduzione tocca molteplici sfere e ambiti e questa combinazione di fattori complessi fa accadere anche di frequente che finisci per avere interesse per persone che non ne hanno per te e ti ritrovi intorno persone che non ti interessano. Non succede solo a te, capita a tutti e anche spesso. Ma per quali strane ragioni? Di fatto, la seduzione e l’attrazione seguono regole ben poco logiche, ma diciamo che puoi fare affidamento su una regola generale: non hai il controllo (e per fortuna) su quel che piace agli altri ma lo hai su quello che riguarda te, su quello che ti attrae e ti muove.

Proprio in forza di questa regola fondamentale possiamo dire che un atteggiamento davvero funzionale e produttivo che puoi adottare sta nell’innamorarti prima di tutto di te stessa. Non mettere davanti gli altri e non pensare di poter piacere a qualcuno se non inizia ad amare te. Cerca di sognare sempre qualcosa di nuovo e di immaginarti con look innovativi, ma coltiva anche le tue parti interne, emotive; costruisci un dialogo con te stessa ottimista e non lasciarti andare a momenti di ansia o di panico o di tristezza se ti sembra di non riscuotere successo.

La chiave per piacersi e piacere sta nel fare attenzione a come parli a te stessa, le cose che ti dici, i pensieri che fai sul tuo corpo. Se anche ci sono cose che vuoi modificare, non iniziare a fare pensieri di mancanza o a concentrarti sui tuoi difetti. Osa diventare quel che sei. Canta, balla, ridi, vivi ogni giorno in modo intenso e profondo. Cerca bellezza e armonia nella relazione con te stessa. Cerca di avere sempre fiducia nel tuo talento e nel tuo aspetto fisico, nelle tue emozioni e fai piccole azioni pratiche che nutrono profondamente la tua autostima.

Accettare il rifiuto

Ricordauna frase di Albert Einstein: “Sono grato a tutte quelle persone che mi hanno detto NO. Grazie a loro sono quello che sono”. Se ricevi un rifiuto, come prima reazione ci resti male e ti fai mille domande. Nel caso peggiore inizi anche a diventare fortemente insicura su tutto e metti in dubbio tutti i tuoi aspetti, anche quelli positivi. Cerca di concentrarti invece sul fatto che un rifiuto a volte rappresenta una vera e propria porta che si apre, una benedizione, un portale che ti fa entrare a contatto con te stessa in modo profondo.

Ricorda sempre che accettare un rifiuto significa dimostrare di essere matura, di avere grande autocontrollo, immensa sicurezza in te stessa e rispetto per il volere e il desiderio altrui. Ognuno ha i propri gusti e se tu non rispondi ai gusti della persona che ti piace, ci sta, non devi fartene una colpa o usarlo come un pretesto per andare contro te stessa. Certo, a volte raccontare un rifiuto a un’amica potrebbe essere imbarazzante, ma ti aiuta anche a capire quali sono le vere amiche e quali invece sono disposte a prendersi gioco di un rifiuto per il quale magari stai soffrendo o hai sofferto; allontana subito coloro che vedi si prendono gioco di un aspetto talmente delicato, in quanto non ti rispettano e non ti stimano.

3 regole fondamentali per attrarre la persona giusta

Vediamo insieme 3 regole fondamentali per attrarre la persona he pensi faccia per te, che vuoi conoscere meglio o per la quale ti sei presa proprio una bellissima cotta:

Vietato insistere

Lancia il messaggio nel modo che preferisci, resta in attesa senza essere attaccata al risultato, non mettere mai in dubbio i tuoi talenti e la tua bellezza e, se dovessi dichiararti e ottenere una risposta negativa, non disperare e non entrare assolutamente nel dubbio di te. Ricorda sempre che una persona cui non piaci ti fa un grande favore se te lo dice subito; non perdi tempo inutilmente ed eviti umiliazioni inutili. Non procurarti da sola del disagio andando a insistere. Ci possono essere infiniti motivi per cui non hai suscitato interesse in una determinata persona e molti di questi non sono razionali. E soprattutto il rapporto non si evolve in modo armonico in ogni caso, se tu forzi le cose. Quindi: assolutamente vietato spingere il pedale.

Chiediti cosa vuoi

Se vieni rifiutata o se ti accorgi di non attrarre chi vuoi e di ricevere la corte di persone che non ti piacciono, forse devi ricalibrarti e centrarti mentalmente ed energeticamente. Quando le condizioni intorno sono confuse forse dobbiamo e possiamo ridefinire di nuovo la direzione. Cogli l’occasione per chiederti nel dettaglio cosa vuoi, definisci proprio il desiderio della persona che vorresti al fianco, anche nel dettaglio. Non avere paura di desiderare. Nel fare questo esercizio puoi anche proprio renderti conto di alcune credenze limitanti che potresti avere: in altre parole, nel desiderare potresti accorgerti che non pensi di meritare una persona di un certo tipo al fianco, se la tua autostima non fosse buona.

Non presumere mai troppo

Se susciti l’interesse di qualcuno, non dire subito di no. Potresti avere la presunzione di sapere come si comporta, come vive e cosa ama questa persona, ma per conoscere davvero qualcuno ci vuole tempo. Quindi non pensare che la prima impressione sia sempre quella che conta. Dai e datti uno spiraglio, lascia sempre l’intuizione accesa e non avere paura di confrontarti con il nuovo. A volte rifiutiamo qualcuno ma abbiamo solo paura. Lasciati sorprendere, non mettere paletti fissi su nulla. Prova, sperimenta e sii pronta anche a sorprenderti e a cambiare idea su qualcuno. Ricorda che puoi avere un’idea della tua persona ideale ma devi sempre tenerti pronta anche a pensare che questa idea cambi, si evolva, si trasformi.