Prima volta: quando è il momento giusto?

Come capire quando arriva il momento giusto per affrontare la prima volta con la persona che hai scelto

Foto di Elisa Cappelli

Elisa Cappelli

Pilates Trainer, Insegnante Tai Chi e Yoga Taoista, Movimentoterapista

Laurea in Filosofia e Master in Giornalismo Internazionale LUISS. Trainer certificata CONI e FIF (Mat base e avanzato). Studia Anatomy in Motion (Gary Ward) e Qi gong.

Come capire se ti senti pronta

Hai conosciuto qualcuno che ti piace, state uscendo da qualche tempo e senti che ti coinvolge molto. Avete avuto diverse effusioni e ti piace l’odore della sua pelle, ti piace quel che dice, come lo esprime e adori sapere la sua idea sul mondo, le sue prospettive di pensiero sulle cose che accadono nella tua vita, nella sua, nel mondo. Insomma, vi trovate bene e ti piace, hai una certa attrazione e senti che anche lui verso te nutre passione.

Magari avete parlato altre volte di sesso e senti che potrebbe essere arrivato il momento, siete entrambi vergini, non avete mai avuto rapporti e volete che questa sia la vostra prima volta insieme. In questo caso la comunicazione diventa fondamentale, come anche i consigli delle persone adulte e delle persone amiche fidate. Non vuol ire che vi dovete far influenzare dalle opinioni altrui, ma che potete raccogliere confidenze, consigli, suggerimenti, indicazioni alle persone che stimate e di cui vi fidate.

Oppure, un altro scenario: sei vergine e hai conosciuto un ragazzo più grande che, dopo qualche uscita, si aspetta che il contatto fisico avvenga in modo immediato, quando tu non hai mai ancora provato l’esperienza della penetrazione. Ecco, in questo caso, sarebbe opportuno tu glielo comunicassi. Non per spaventarlo o impressionarlo; se avvenisse, sai che non fa per te. Devi informarlo in modo che sappia quanta importanza potrebbe avere scegliere di condividere quel momento proprio con lui.

Altra opzione: solo per lui costituisce la prima volta. Anche in questo caso, sarebbe bene lui ti informasse. Cerca di farlo sentire al sicuro ed evita di fargli pesare l’inesperienza. Ricorda che anche una persona che non ha avuto esperienze potrebbe avere un dono naturale per sentire la pelle del partner e sapere come muoversi al meglio. Sei pronta a fare l’amore con lui quando senti davvero di volergli bene e di desiderare una prima ma anche tante altre volte insieme.

5 consigli per affrontare la prima volta

In generale, a parte le condizioni specifiche che differiscono di caso in caso, per capire se ti senti pronta, domandati quanto ti fidi di lui, individua le tue principali paure e fai un elenco delle ragioni che ti motivano a scegliere quella determinata persona e un elenco delle cose che pensi potrebbero andare storte, tanto per abbassare il livello di paura. Vediamo insieme 5 consigli per affrontare al meglio la prima volta e arrivarci serena, emozionata ma non troppo nervosa o piena di pensieri:

Parla con la persona con cui farai l’amore

Il dialogo rimane un fattore fondamentale e, senza riempire il rapporto di paure e paranoie ma nel rispetto dei sentimenti e delle emozioni dell’altra persona, cerca di dialogare, comunicare in modo semplice. Parla con la persona che hai scelto; molto spesso, parlando, le cose si sgonfiano, diventano meno preoccupanti e si affrontano insieme in modo semplice. Ricorda di non incentrare tutta la conversazione sul sesso: il rapporto intimo rappresenta un incontro di pelle ed emozioni e il gioco non dovrebbe mai venire meno, come la voglia di conoscersi e comunicare anche in quell’ambito. Fare sesso non vuol dire entrare in una dimensione isolata, ma godere insieme dello stesso piacere. Diventa immediato se con questa persona ti piace mangiare, passeggiare, parlare e molte altre cose che sono estremamente e intimamente connesse alla sfera sessuale e carnale.

Respira quando sale la paura

Quando sale la paura fai bene a prendere lunghi e profondi respiri e assicurarti di mantenere il contatto con te stessa. Puoi farlo quando ci pensi e lo immagini e anche prima o quando ti trovi ad affrontare sul serio la prima volta, usare il respiro come un potente strumento di connessione. Quando sale la paura cerca di restare in contatto con l’aria che immetti e la fase espiratoria, il momento in cui svuoti entrambi i polmoni. Respirare in modo profondo e naturale ti permette di calmare la mente e concentrati sul corpo.

Immagina come lo desideri

Come per tutto, la mente ha un suo potere e immaginare come vuoi vivere questo momento ti aiuta tantissimo a materializzarlo. Non significa crearsi aspettative ma allenarsi a desiderare quel che vuoi, anche per abbassare il carico di panico e di paura che puoi avere in modo del tutto naturale. Chiedi anche all’altra persona cosa vorrebbe e cosa desidererebbe; adoperatevi insieme per la migliore delle atmosfere possibili, non ostruita, non artefatta, semplicemente e solamente unica, vostra.

Informati sulle precauzioni

Per affrontare la prima volta in modo sicuro, devi ridurre le preoccupazioni circa malattie sessualmente trasmissibili e gravidanze al minimo. Informati sui vari metodi precauzionali e scegli quello che senti migliore per il tuo corpo. Puoi parlarne con la tua ginecologa di fiducia. Invita anche l’altra parte a occuparsi di questo, in modo che non vi troviate sprovveduti al momento dell’atto sessuale. Se la persona con cui fai l’amore non vuole usare precauzioni, non cedere, rimani ferma, sorridi, saluta, ringrazia e vai. Devi vivere la prima volta con qualcuno che ti fa sentire al sicuro.

Scegli i tuoi preliminari

Alcune ragazze vivono la prima volta come qualcosa che si “subisce”. Le cose non stanno affatto in questo modo. Il fatto che tu conosca il tuo corpo e sia curiosa al riguardo ti mette anche nel ruolo da protagonista per quel che riguarda i tuoi desideri e il modo in cui vuoi essere toccata. I protagonisti siete voi due, senza dubbio, e non dovresti lasciare all’altra parte tutte le scelte e le decisioni. Anche tu hai il tuo potere e puoi affrontare questa prima volta anche come un modo per scegliere e selezionare i preliminari che preferisci e proporglieli, senza diventare egoista ma badando sempre anche ai suoi bisogni e alle cose che ama.