Università: come prepararsi ai figli che lasciano il nido

L'università e i figli rappresentano un argomento molto ostico da affrontare. I ragazzi vogliono iniziare la vita da soli e bisogna prepararsi

Quando i figli vanno all’università tutta la casa sembra divenire vuota. Ci sono sempre meno voci, meno presenze, e vi è la costante situazione che manchi qualcosa. Il voto creato genera tristezza, pensieri e molta irrequietudine. Altresì è possibile verificarsi dell’insonnia, o persino della depressione. Per evitare di avere delle ripercussioni sulla salute quando i figli vanno all’università, si consiglia di prendere qualche piccola precauzione per affrontare meglio la difficile separazione. Di seguito si trovano degli ottimi suggerimenti.

Innanzitutto, si consiglia di prepararsi psicologicamente alla partenza dei figli. Questi non possono vivere per sempre insieme ai genitori, e prima o poi devono distaccarsi per iniziare una vita propria. Non vi sono alternative a un simile procedimento ed è del tutto naturale. Mettendosi in testa che prima o poi succederà, lasciare che accada sarà più facile. Prima della partenza bisogna parlare con i ragazzi, spiegando loro cos’è la vita da adulti. Loro devono riuscire a difendere sé stessi in un mondo difficile sotto ogni punto di vista. Bisogna che abbiano cura di sé e che siano riflessivi.

Prima che i figli partano per l’università, bisogna insegnare loro a cucinare, a lavare i vestiti, a gestire i rapporti sociali con gli altri, a usare i soldi in modo riflessivo senza spendere tropppo. Molti dei psicologi italiani consigliano di affrontare i dialoghi con calma e serenità. Le emozioni negative devono essere lasciate da parte, poiché rischiano di precludere l’intera avventure dei futuri studenti universitari. Prima dell’inizio dell’avventura, i ragazzi devono essere sicuri di poter tornare al nido materno quando lo vorranno.

Inoltre, bisogna rassicurare i propri figli sul punto di vista della comunicazione. Si deve spiegare loro che per ogni problema, oppure se vogliono dei consigli, si può sempre fare una telefonata ai genitori. Questi saranno molto felici di risentire la voce dei propri ragazzi e insieme prendere la decisione giusta. Una volta che i figli sono all’università, è meglio evitare di chiamarli troppo spesso. Però è consigliato di ritagliarsi appositamente del tempo almeno una volta alla settimana e dedicare circa mezz’ora al dialogo.

Università: come prepararsi ai figli che lasciano il nido