Cosa fare con i surgelati in caso di blackout

Se manca la corrente il cibo nel congelatore potrebbe andare a male: scopri cosa fare

Foto di Daniela Iniziato

Daniela Iniziato

Web writer / Copywriter

Sono Daniela, web writer freelance. Scrivo articoli SEO, testi per siti internet, social e altro. Vivo scrivendo per realizzare la mia idea di libertà.

Ti sei mai chiesta quanto tempo un freezer può restare senza corrente? Cattive condizioni atmosferiche e guasti temporanei possono provocare interruzione della corrente. In genere si tratta di condizioni momentanee che si risolvono in pochi minuti o in qualche ora.

In questi casi, una breve interruzione di corrente non influisce sulla qualità del cibo nel frigorifero o nel congelatore. Ma che dire delle interruzioni elettriche che durano ore o giorni: per quanto tempo il congelatore rimane freddo e a che punto la crescita dei batteri diventa una minaccia, costringendoti a buttare via il cibo deperibile?

In questo articolo vediamo di fare chiarezza. Ecco, quindi, tutto ciò che devi sapere sull’autonomia del freezer senza corrente.

Quanto tempo può stare il congelatore senza corrente?

Senza alimentazione, un frigorifero probabilmente rimarrà a una temperatura sicura per un massimo di quattro ore se la porta viene tenuta chiusa.

Il cibo nel congelatore rimane freddo ancora più a lungo: circa un giorno se il congelatore è mezzo pieno e circa 48 ore se è pieno. In pratica, più cibo c’è all’interno del freezer, più il freddo viene trattenuto a lungo.

Questo significa che, se manca la corrente, non devi essere tentata di controllare i tuoi cibi ogni pochi minuti, poiché questo accelera l’aumento della temperatura e quindi il deterioramento.

È fondamentale tenere chiuse le porte del congelatore durante le interruzioni di corrente per mantenere la temperatura fredda più a lungo possibile.

Quando il cibo nel congelatore senza corrente inizia ad andare a male?

Durante un’interruzione di corrente, puoi utilizzare i termometri di cui sono dotati gli elettrodomestici per determinare se il tuo cibo è ancora al sicuro. Normalmente, la temperatura del congelatore dovrebbe essere di -18 gradi centigradi o inferiore.

Se non c’è un termometro all’interno dell’apparecchio per misurare la temperatura, puoi usare in alternativa un termometro per alimenti poggiandolo su ogni articolo per capire se è ancora buono da mangiare.

Ricorda che alcuni alimenti, come il pesce o la carne, potrebbero cambiare aspetto o avere un cattivo odore quando cominciano a guastarsi, ma non puoi sempre fare affidamento solo su questi parametri aleatori per determinarne la sicurezza.

È scientificamente provato che, affinché i prodotti conservati nel congelatore siano sicuri da tenere o da preparare per il consumo, dovrebbero avere una temperatura interna inferiore a 4,5°. Fai fede a questo dato e non sbaglierai.

Se cibi particolarmente delicati restano al di sopra di questa temperatura per più di due ore, è meglio buttarli via. Controllare la temperatura effettiva del cibo nel tuo freezer alla fine ti dirà chiaramente cosa è sicuro da mangiare.

Ti diremo qualcosa in più: per non rischiare, è sempre meglio ragionare per eccesso di cautela. Quindi, se non sei sicura della qualità degli alimenti che erano nel tuo congelatore durante un’interruzione di corrente, è meglio buttarli via e fare altro da mangiare.

Sappiamo che è un peccato buttare via cibo. Per cui, se sai che la corrente non sarà ripristinata presto, cerca di evitare sprechi alimentari mangiando prima gli alimenti più deperibili nel freezer, come avanzi, carne, pollame e cibi contenenti latte, formaggio a pasta molle o panna, sempre controllando prima le loro temperature.

Come conservare l’autonomia del freezer senza corrente

Abbiamo visto che gli alimenti nel freezer si possono conservare per massimo 48 ore se l’apparecchio è pieno e se non lo apri. Ma come fare in diverse condizioni, se è previsto un ammanco di corrente per più giorni?

Quando l’elettricità si interrompe per diversi giorni oppure, peggio ancora, il congelatore si rompe e non hai la possibilità di sostituirlo subito, puoi risolvere acquistando ghiaccio secco o ghiaccio in blocchi per mantenere i prodotti deperibili a una temperatura sicura.

Anche se è pieno inverno e le temperature sono molto basse, non pensare che mettere il cibo fuori dalla finestra per mantenerlo freddo sia una soluzione. Le temperature esterne, a meno che non ti trovi al Polo Nord, sono ancora troppo calde per mantenere gli alimenti congelati. Inoltre, può fare molto freddo fuori, ma il sole potrebbe comunque riscaldare il cibo e farla arrivare a una temperatura che farebbe proliferare i batteri.

Quanto dura il cibo in freezer senza corrente: consigli

Prima di subire passivamente un’interruzione improvvisa di corrente puoi adottare alcune misure cautelative per massimizzare la durata dei tuoi alimenti congelati.

Ti consigliamo di raggruppare per tipologia i cibi congelati in scatole o buste protette, tenendo le carni insieme su un lato del congelatore in modo che, se iniziano a scongelarsi, i loro succhi (che potrebbero ospitare batteri) non si mescoleranno con altri cibi.

Ricorda anche che gli alimenti con un alto contenuto di acqua, come carne o frutta, rimarranno congelati più a lungo rispetto a quelli più asciutti, come il pane.

A volte la corrente si interrompe senza preavviso e tutto ciò che puoi fare è evitare di aprire il congelatore e sperare che la corrente torni prima che i tuoi cibi deperibili vadano a male.

Ma se il tuo apparecchio è molto vecchio e comincia già a dare segni di cedimento, puoi organizzarti in anticipo per mantenere freddi gli alimenti utilizzando questi suggerimenti:

  • Tieni in casa molti cibi che non hanno bisogno di essere tenuti in frigo o nel freezer (ad esempio scatolame o pasta). Ciò ti permetterà di non aprire il frigorifero o il congelatore durante un’interruzione di corrente.
  • Tieni un termometro sia nel frigorifero che nel congelatore. Come abbiamo già detto, gli articoli deperibili dovrebbero rimanere al sicuro nel frigorifero per quattro ore, in un congelatore mezzo pieno per 24 ore e in un congelatore pieno per 48 ore, ma queste linee guida sono solo stime. Inoltre, diventano meno affidabili se apri spesso il congelatore. Il modo più accurato per sapere se il tuo cibo è al sicuro dopo un’interruzione di corrente, quindi, è utilizzare un termometro per elettrodomestici come guida.
  • Riempi il congelatore. Un congelatore pieno può mantenere una temperatura di sicurezza doppia rispetto a uno pieno solo per metà. Se manca la corrente, prendi in considerazione la possibilità di riempire lo spazio vuoto nel congelatore con alimenti deperibili che sono nel frigorifero. Questo aiuterà anche a prolungare il periodo di tempo in cui questi alimenti rimangono al sicuro, rispetto all’essere in un frigorifero senza alimentazione. Se capita un periodo in cui hai meno cose nel freezer, puoi anche riempire il congelatore con bottiglie di plastica d’acqua o sacchetti di ghiaccio.

Quali alimenti dovresti buttare via dopo un’interruzione di corrente?

Quando un black out dura molte ore o giorni, se non hai potuto prestare subito soccorso agli alimenti nel freezer, questi dovrebbero essere gettati via per prevenire le possibilità di avere un’intossicazione alimentare.

Può essere ovvio ma lo diciamo per ogni evenienza: non assaggiare mai il cibo per capire se è ancora sicuro da mangiare. Invece, è preferibile che tu riesca a capire quando un alimento è andato a male, in modo da poter decidere cosa è sicuro tenere e cosa deve essere gettato via immediatamente.

Come fare? Non appena il congelatore è di nuovo in funzione, controlla gli alimenti congelati per vedere se qualcuno si è scongelato. Se ci sono cibi che hanno sviluppato un odore sgradevole, buttali via. Per gli altri, regolati in questo modo:

  • Carne e pollame (crudi): ricongela se sono ancora presenti cristalli di ghiaccio. Carni o pollame completamente scongelati ancora freddi e che non hanno odori sgradevoli o segni di deterioramento possono essere cucinati e mangiati o ricongelati dopo la cottura.
  • Pesce e crostacei: come i primi, puoi rimetterli nel freezer se sono ancora presenti cristalli di ghiaccio. Se il pesce o i crostacei sono completamente scongelati da non più di 24 ore, possono essere cucinati e mangiati.
  • Carni, pollame, pesce e sformati cotti: non ricongelare mai. Se sono ancora presenti cristalli di ghiaccio, questi alimenti possono essere mangiati, ma se il cibo è completamente scongelato, scartarlo.
  • Frutta e verdura: ricongela se sono ancora presenti cristalli di ghiaccio. Se completamente scongelato, ma ancora freddo, controlla gli odori sgradevoli. I frutti fermentano rapidamente e, sebbene non siano pericolosi, il sapore ne risentirà. Se non sono andati a male puoi utilizzarli per preparare marmellate, gelatine e altre pietanze cotte. Lo stesso vale per le verdure.
  • Prodotti da forno: questi alimenti possono essere tranquillamente ricongelati, ma quando li mangerai potrebbero risultare più secchi.
  • Gelato e altri semifreddi: buttali via se completamente scongelati.

Dopo aver selezionato gli alimenti che possono essere rimessi nel freezer, fai scendere rapidamente la temperatura impostando il congelatore al freddo massimo.

Etichetta questi alimenti in modo da ricordarti che sono stati ricongelati e prova a usarli al più presto o comunque entro due o tre mesi. Ricorda che, anche se gli alimenti rimessi in freezer secondo le linee guida saranno sicuri, la loro qualità risulterà inferiore a causa della perdita di colore, sapore, consistenza e alcuni nutrienti.