Jack Nicholson è sparito: la preoccupazione degli amici più stretti

Pare che l’attore da tempo che non si faccia vedere in giro e chi lo conosce ha paura che possa essere affetto da demenza senile

Jack Nicholson è uno dei volti più iconici della storia del cinema. Con i suoi film ci ha fatto vivere mille emozioni diverse, ci ha travolti e a volte, come nel caso di Shining, anche terrorizzati.

Vincitore di ben tre premi Oscar, l’attore oggi ottantacinquenne sta facendo preoccupare i suoi amici e gli affetti più cari che hanno il terrore che possa essere affetto da qualche forma di demenza senile.

Jack Nicholson non esce più di casa: gli amici preoccupati

Jack Nicholson è sparito, o almeno questo è quello che hanno affermato ai microfoni di RadarOnline le persone che lo conoscono. L’ultimo avvistamento dell’attore, infatti, pare risalga all’ottobre del 2021 e da allora, ovvero da un anno e mezzo, nessuno dei suoi amici e vicini di casa ha più avute sue notizie né lo ha visto passeggiare, seppur in lontananza, nel quartiere.

In particolare, Nicholson vive ormai da anni a Mullholland Drive, Los Angeles, quartiere composto da abitanti che tra loro sono molto legati, tanto che l’intera comunità è molto preoccupata per Jack.

Nel parlare con la stampa c’è chi si è detto decisamente in pena per la saluta dell’attore, non tanto fisica quanto mentale. Alcuni hanno anche azzardato che che il Premio Oscar per Qualcuno volò sul nido del Cuculo potrebbe essere affetto da demenza senile e, in virtù di questo timore, ha paura che possa morire da solo e senza che nessuno se ne accorga.

Come hanno sottolineato i vicini, Nicholson è stato visto per l’ultima volta fuori di casa nell’ottobre del 2021 quando pare stesse accompagnando il figlio Ray, che oggi ha trent’anni ed è nato dalla relazione di Jack con Rebecca Broussard, a una partita di basket.

Jack Nicholson e i suoi figli
Fonte: IPA
Jack Nicholson e i suoi figli

 Jack Nicholson: abbandonato nella sua villa come Marlon Brando

Nicholson in quel di Los Angeles non vive in un appartamento qualunque ma in una villa di circa trecento metri quadri che l’attore acquistò dall’amico e collega Marlon Brando per circa cinque milioni di dollari.

Chiunque conosca Jack sa bene che per lui la propria dimora è estremamente importante – “come se fosse il suo castello” è stato affermato – ma hanno anche paura che l’uomo possa morire da solo in quella casa, esattamente come successe a Brando che, proprio come Nicholson, aveva allontanato tutto e tutti e non era più uscito di casa negli ultimi anni della sua vita fino alla dipartita nel 2004. “È come se lo spirito di Marlon lo stesse influenzando” ha sottolineato qualcuno.

I ben informati dicono che sia il figlio maschio Ray che Lorraine, la figlia femmina avuta dalla prima e unica moglie Sandra Knight (conosciuta sul set di La Vergine di Cera),  vadano spesso a trovare Jack ma pare che i due ragazzi siano rimasti gli unici contatti con il mondo esterno dell’attore.

Nicholson – dopo una vita di successi – ha smesso di recitare da oltre un decennio. La sua ultima fatica cinematografica risale al 2011 e lui stesso, nel 2013, aveva deciso di non accettare copioni. Allora si era detto che avesse seri problemi di memoria ma oggi, data la sua auto-reclusione, le cose si fanno davvero molto preoccupanti.