Linguaggio del corpo: come capire se c’è attrazione

I gesti possono dire molto sui sentimenti che si provano. Scopri come capire, attraverso il linguaggio del corpo, se c’è attrazione

Antonella Lobraico Editor specializzata in Salute & Benessere Specializzata nella comunicazione online, ha collaborato con testate giornalistiche, uffici stampa, redazioni tv, case editrici e agenzie web in progetti su Salute&Benessere.

A volte basta davvero poco per accendere la scintilla dell’amore. Una chiacchierata sotto casa o un incontro inaspettato all’uscita da scuola, possono ad esempio dare il via a quell’alchimia, non sempre facile da spiegare. Sì, perché il cuore batte forte e i pensieri volano sempre verso quella persona che, nei modi di fare e di parlare, ci ha fatto perdere la testa.

La fase dell’attrazione poi è importante e piuttosto delicata, dal momento che sono proprio le prime impressioni che si hanno l’uno dell’altra a determinare l’interesse per una conoscenza più approfondita e perché no, l’eventuale inizio di una storia d’amore travolgente.

E in questo senso, il linguaggio del corpo può essere d’aiuto. E anche tanto.

Linguaggio del corpo femminile e maschile: le differenze

Ci sono tanti modi per comunicare, ad esempio con le parole, ma anche e (soprattutto) con i gesti. Solo che a volte non ce ne rendiamo conto e, senza saperlo, uno sguardo o un semplice movimento delle mani, possono fornire preziose informazioni sulle emozioni e sulle intenzioni provate in quel momento. Ecco perché a volte ci si tradisce non tanto con le parole, quanto con le espressioni e i movimenti del corpo.

Il linguaggio del corpo femminile è più sfaccettato rispetto a quello maschile per via dei diversi e numerosi movimenti compiuti con buona parte del corpo. Se infatti i ragazzi tendono a comunicare per lo più con la postura del volto (occhi, labbra, sopracciglia) e del corpo, le ragazze comunicano anche con gesti effettuati con le gambe (apertura/chiusura), con l’auto contatto o mantenendo aperte o chiuse le braccia.

Come leggere il linguaggio del corpo

Come già in altri contesti, l’attrazione e i sentimenti si esprimono principalmente con i gesti. Ed ecco quindi che toccarsi le mani o i capelli, mantenere una postura protesa verso l’altro, cercare il contatto fisico, potrebbero stare a significare che forse la scintilla si è accesa. Ma la persona che ci piace ricambia l’attrazione? Possiamo provare a capirlo intrepretando il linguaggio del corpo. Vediamo quindi come leggere alcuni movimenti del corpo.

Toccarsi i capelli

Ci sono situazioni in cui si è più nervosi e tesi. Un esempio? Un appuntamento! In questi casi il corpo risponde allo stress del momento, attraverso atteggiamenti quasi sempre inconsci tra cui:

  • toccarsi i capelli;
  • accarezzarsi un lato del collo;
  • giocare con un bracciale/un orecchino/un orologio o comunque qualcosa che si ha a portata di mano;
  • toccarsi le dita della mano.

Cambiare il tono della voce

La prima volta che ci si vede (e ci si sente) è difficile notarlo, ma si potrà cogliere la differenza agli incontri successivi. Potrebbe infatti capitare che di fronte a una persona per cui si prova attrazione, si cambi (anche inavvertitamente) il tono della voce.

Le pupille degli occhi sono dilatate

Si dice che gli occhi siano lo specchio dell’anima: niente di più vero, anche nelle primissime fasi dell’innamoramento. In questo caso, a parlare sono le pupille degli occhi che tenderanno a dilatarsi quando si è in compagnia di qualcuno per cui si prova qualcosa. Essendo una risposta fisiologica dell’organismo, è difficile nasconderla a degli occhi attenti. Una cosa simile può capitare con il battito delle ciglia, ovvero chi prova attrazione cercherà di sbattere le palpebre insieme all’altra persona.

Avere una posizione del corpo “aperta”

Avere le braccia conserte o frapporre degli oggetti fra sé e l’altra persona, sta ad indicare per lo più un atteggiamento di chiusura e di rifiuto. Invece, quando le braccia vengono lasciate lungo i fianchi o ci si appoggia allo schienale della sedia, il corpo sta comunicando fiducia e apertura verso l’altro. Anche tenere scoperti i polsi e le mani può indicare onestà e lealtà verso l’altro.

Guardare il telefono

Capita sempre più spesso di prendere in mano il cellulare per controllare ad esempio le notifiche sui social. Ma si tratta anche di un modo per calmare la tensione quando si è nervosi: ecco perché può verificarsi anche ad un appuntamento.

Pavoneggiarsi

Non c’è nulla di strano a volersi far notare quando si è in compagnia di qualcuno che piace. Rappresenta appunto un modo per comunicarlo e per farlo, la persona in questione può ad esempio mordersi il labbro o gonfiare il petto.

Copiare i modi di fare e di dire

Il meccanismo di fondo è lo stesso di quando si cerca di copiare un compito in classe. Certo, in quest’ultimo caso l’obiettivo è di prendere un voto alto, mentre ad un appuntamento si vorrebbe solo fare colpo. Per entrare maggiormente in sintonia quindi, l’altro può iniziare a “copiare” i modi di dire e di fare della persona che ha di fronte o accanto. Si tratta di un comportamento inconscio del corpo adottato per creare un legame e quindi, per avvicinarsi di più.

Annuire con la testa

Anche i movimenti compiuti dalla testa possono dire molto. Annuire con regolarità e inclinare un po’ la testa, significa provare interesse per quello che sta dicendo l’altro.

In definitiva quindi, la fase dell’attrazione è fatta sì di parole, ma soprattutto di gesti. I movimenti del corpo e le espressioni del volto possono infatti comunicare tanto di noi e di quello che proviamo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Linguaggio del corpo: come capire se c’è attrazione