La cattiveria altrui ci fa ammalare, difendiamoci con il sorriso

Sono tante le persone che giudicano e offendono soltanto per rovinare la vita di chi non ha fatto nulla per meritarsi tutto ciò

Nel mondo in cui viviamo è innegabile che esista sia il bene che il male. La differenza, però, è che per fare del bene serve cuore e fatica, invece, il male è commesso senza alcun sforzo.

Ognuno di noi, almeno una volta nella vita ha dovuto fare i conti con la cattiveria gratuita di persone rabbiose e frustrate, perlopiù piene di invidia, che ci mandano energie negative che ci contagiano rendendoci stressati e negativi.

Ammalarsi emotivamente a causa della cattiveria altrui è sempre più frequente, in quanto, ogni giorno tantissime persone, piccole d’animo, diffondono pettegolezzi inventati o basati su ipotesi soltanto per rovinare la vita di coloro che non tessono le loro lodi.

In un mondo in cui si è sempre connessi e in cui la tecnologia ci permette di condividere informazioni con chiunque, l’invidia, l’odio e l’egoismo vanno di pari passo e hanno preso il posto dei sentimenti, dell’affetto, della gentilezza e dell’empatia.

Sui social network, poi, ognuno si sente libero di offendere, di dire la propria, soltanto perché dietro a un computer o ad uno smartphone, non curandosi minimamente di ferire la persona che si trova dall’altro lato. Sono i cosiddetti “leoni da tastiera” che agiscono in questo modo semplicemente perché protetti da uno schermo.

Sono davvero tante le persone che giudicano e sputano sentenze senza avere la minima conoscenza della situazione. Sono le stesse persone che non sanno amare. Nessuno ha insegnato loro il significato della parola “amore” e a causa dei loro comportamenti e della loro cattiveria gratuita, molte altre si ammalano emotivamente.

Le persone emotive e sensibili, però, soffrono anche per le situazioni che non le riguardano personalmente ma che feriscono le persone a loro vicino. Ad esempio quando un loro familiare, un amico o il partner sta male per qualcosa che è stato detto o fatto, queste soffrono con loro. Si fanno carico delle loro sofferenze che pesano come macigni sulla propria anima.

Bisognerebbe imparare a lasciarsi scivolare addosso tutte le negatività e le cattiverie, non vale la pena farsi condizionare troppo e ammalarsi a causa delle frustrazioni altrui. Il nostro sorriso è troppo prezioso per lasciarcelo cancellare.

La cattiveria altrui ci fa ammalare, difendiamoci con il sorriso