Cosa non pubblicare mai sui social

Dalle foto ai commenti offensivi, sino alle informazioni personali: ecco cosa non pubblicare mai sui social per proteggere i vostri figli

I social network sono divertenti e senza ombra di dubbio ci consentono di raggiungere moltissime persone, ma possono rivelarsi anche molto pericolosi, soprattutto se pubblichiamo i contenuti sbagliati.

Da tempo infatti gli esperti e le forze dell’ordine cercano di mettere in guardia le mamme per difendere la privacy e il benessere dei loro figli. Prima di pubblicare qualcosa su Facebook, Instagram o Twitter infatti dovremmo pensarci bene e chiederci se quello che stiamo facendo potrebbe avere delle conseguenze negative su di noi o sugli altri. Anche se ci sembra di trovarci in un’altra dimensione infatti, i social sono lo specchio della vita reale e hanno un effetto sulla nostra esistenza.

Cosa non pubblicare mai sui social? Prima di tutto le foto dei vostri figli. Sicuramente è bello condividere degli scatti che rappresentano i nostri bambini, ma spesso quando lo facciamo non ci rendiamo conto che in questo modo rendiamo disponibili a migliaia di persone le loro immagini. Il web infatti non è popolato solamente da persone che conosciamo e amici, ma anche da soggetti che potrebbero utilizzare quelle foto per scopi illeciti o, peggio ancora, potrebbero sviluppare una vera e propria ossessione per i bimbi.

Se volete proprio postare gli scatti dei vostri piccoli, assicuratevi tramite le opzioni sulla privacy che siano a disposizione esclusivamente di amici e familiari. Ricordatevi inoltre che ogni volta che una foto viene caricata sul web difficilmente potrà essere cancellata. Lo stesso vale per i post offensivi o quelli imbarazzanti di cui poi potreste pentirvi.

Non pubblicate nulla nella vana speranza che il tasto “cancella” possa salvarvi. Anche se i contenuti spariranno dal vostro profilo, continueranno comunque ad essere sempre disponibili online. Evitate poi di pubblicare commenti e foto che potrebbero rivelare troppe informazioni personali, riguardanti abitudini, spostamenti, indirizzi, ma anche numeri di telefono.

I social network se non vengono utilizzati nel modo giusto possono rivelarsi un’arma a doppio taglio, in grado di distruggere la poca privacy che ancora conserviamo e di esporre gli adulti, ma soprattutto i bambini, a pericoli inaspettati.

Cosa non pubblicare mai sui social