Giancarlo Fisichella, pilota F1: biografia e curiosità

Giancarlo Fisichella è un celebre personaggio del mondo della Formula 1. Ecco alcune importanti novità sulla vita e la carriera di questo noto pilota

Chi è Giancarlo Fisichella? Questo personaggio è un rinomato pilota del settore automobilistico italiano. E’ nato il 14 gennaio 1973 a Roma. Attualmente svolge ancora la medesima professione. Fisichella è riconosciuto prevalentemente per gli eccellenti risultati ottenuti nel mondo della Formula 1, in particolare per il campionato mondiale intitolato “Endurance”. Giancarlo scopre di nutrire un forte interesse per le gare già durante l’infanzia. Questa grande passione per le automobili lo porta a partecipare a varie sfide con i go kart in alcuni circuiti situati in prossimità della capitale romana. Durante la metà degli anni ottanta arrivarono così i primi esiti positivi quando partecipò alla gara “Minikart sessanta”, vincendo ben quattordici sfide. Negli anni seguenti acquisisce invece ben 35 vincite per quanto concerne la categoria “cento nazionale”. Questo traguardo porterà il pilota a passare alla serie internazionale, per la quale otterrà la vittoria del campionato, acquisendo allo stesso tempo dei risultati degni di nota. Questo successo lo porterà in seguito ad aggiudicarsi la seconda posizione all’interno del campionato europeo, ottenendo il quarto posto nel campionato mondiale. Verso gli inizi degli anni novanta si aggiudica nuovamente la seconda posizione nelle sfide europee di go kart.

Tuttavia, per Giancarlo Fisichella giunge il momento di dare una svolta alla sua carriera di pilota. Agli inizi degli anni novanta decide così di variare il settore delle corse, diventando membro della “Formula 3”, partecipando alle sfide della società “Dallara Opel”. Tale esperienza è durata alcuni anni ed ha permesso al pilota di raggiungere ulteriori record, tra cui l’importante vincita del campionato italiano di “Formula 3”, nel quale si è aggiudicato la prima posizione al gran premio di “Imola”. Non solo, Fisichella ottenne anche il secondo posto al “campionato piloti”, mentre raggiunse la seconda posizione per quanto riguarda il noto “gran premio di Monaco”. Durante la metà degli novanta, è la volta di ben dieci vincite, grazie alle quali raggiunse le “pole position“, ma non mancarono straordinari risultati all’interno di gran premi importanti, tra cui quello di “Macao”. Questi traguardi gli valsero un riconoscimento per i campioni della “Formula 3”. Anche il 1995 è stato per il pilota un periodo piuttosto particolare, in quanto si verificarono ulteriori svolte. Giancarlo Fisichella decise infatti di distaccarsi dal mondo della “Formula 3” per intraprendere la carriera di pilota nel settore turistico.

Il suo debutto in questo nuovo ramo avvenne quindi nel campionato mondiale. Fisichella gareggiò con l’auto “Alfa Romeo 155”. Da quel momento il pilota raggiungerà una distinta notorietà, in particolare durante le sfide di “Turismo” all’interno dei numerosi campionati. Tuttavia, sempre in quel periodo comincia a collaborare in qualità di collaudatore per le vetture della società automobilistica “Minardi”, appartenente alla “Formula 1“. Grazie a questa esperienza, ebbe modo di gareggiare una versione della “Ferrari 412 T2”. Nonostante ciò, il suo debutto nella Formula 1 avvenne con le gare della “Minardi”, alle quali partecipò guidando una “M195-B”. Al termine, il pilota riuscì ad aggiudicarsi soltanto l’ottava posizione. Nel periodo seguente, verso la fine degli anni novanta passò invece alla “Jordan”. Proprio qui incontrò il collega “Ralf Schumacher”. La nuova automobile assegnata a Fisichella in quella occasione fu la “197”. Tuttavia, questa esperienza vantò risultati notevoli, grazie ai quali ottenne eccellenti posizioni all’interno dei vari campionati. Avvennero poi delle nuove svolte per Giancarlo Fisichella. Tra la fine degli anni novanta e i primi anni duemila ha gareggiato con l’auto della “Benetton”, ottenendo comunque poche vincite che oscillavano tra la sesta e la nona posizione.

Per un breve periodo, tornerà a gareggiare per la “Jordan”, ma anche in tal caso non otterrà risultati particolarmente soddisfacenti a causa di molteplici rallentamenti dovuti a danneggiamenti e difetti di diverso tipo. Dopo aver abbandonato la “Jordan”, Fisichella ha partecipato alle sfide della “Force India”. Durante il corso della sua carriera di pilota, ha anche gareggiato con la “Renault”. In seguito è diventato membro della Ferrari. Quest’ultima in quell’occasione era alla ricerca di un pilota che prendesse il posto di “Luca Badoer”, all’epoca successore di “Felice Massa”, vittima di un infortunio. Nonostante il grande talento ed il successo straordinario di Giancarlo Fisichella, il debutto nella Ferrari fu segnato da numerose complessità. Le problematiche scaturivano dal fatto che la “F60” assegnata al pilota era stata realizzata in modo completamente differente rispetto alle altre automobili con le quali aveva gareggiato in precedenza. Questa complicanza portò lo sportivo ad ottenere varie collocazioni all’interno delle sfide, escludendolo dalla categoria punti. L’anno 2010 lo vide impegnato nel ruolo di “terzo pilota” intento ad occuparsi di varie attività. L’anno seguente invece, Giancarlo Fisichella dichiarò il suo ritiro dal mondo della “Formula 1”. Nella vita privata, al di fuori dei vari incarichi che lo hanno tenuto impegnato nel settore automobilistico, il pilota ha svolto il ruolo di doppiatore per la pellicola di animazione “Cars” al fianco di altri campioni come Michael Schumacher.

Giancarlo Fisichella, pilota F1: biografia e curiosità
Giancarlo Fisichella, pilota F1: biografia e curiosità