Storia di Ipazia, donna pensante

Occhi sulle stelle, cuore palpitante, mente matematica: Ipazia difese la propria libertà di pensiero in un periodo turbolento. Ed è ancora oggi un esempio di coraggio

Immaginate una forma di amore alta, altissima, inafferrabile. Provate a figurarvelo questo amore profondo, devoto e fedele. E rivolgetelo non a una persona, ma a un ideale. Ciò che avrete è il dipinto a larghe linee del sentimento che Ipazia provava per la scienza e per il pensiero.

Sì, perché Ipazia è stata la prima matematica, astronoma e filosofa della Grecia Antica le cui gesta sono riuscite ad arrivare fino a noi. Ciò che ha fatto è stato estremamente coraggioso: ha difeso strenuamente la libertà di pensare, di essere, di esistere, in un'epoca difficile dove alle donne non era dato alcun tipo di credito. E ha pagato un prezzo caro, troppo caro.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Storia di Ipazia, donna pensante