Come usare il guanto di crine

Il guanto di crine è lo strumento perfetto per preparare la pelle prima del sole e non solo: ecco come usarlo al meglio

Con la bella stagione la pelle richiede le nostre attenzioni. Certo, tutte la desideriamo liscia e vellutata, ma spesso le nostre attività quotidiane, come la depilazione, la tintarella e le docce frequenti richiedono l’uso di accorgimenti specifici per preservarla e mantenerla morbida e curata, aiutandola a proteggersi da eventuali agenti di stress. Oltre ad applicare prodotti specifici per riparare la pelle danneggiata e restituirle idratazione e nutrimento, l’ideale è procedere con l’esfoliazione, per favorire il naturale ricambio cellulare.

Per esfoliare la pelle in modo efficace ma naturale puoi ricorrere al guanto di crine, un prezioso alleato per il benessere della pelle. Si tratta di uno strumento versatile che trova tante applicazioni in campo cosmetico ed è particolarmente indicato per regalare una serie di benefici trattamenti dell’epidermide. Scopriamo insieme come usare il guanto di crine, per quali problematiche è consigliato e quali vantaggi può portare al benessere della nostra pelle se inserito nella beauty routine.

Cos’è e com’è fatto il guanto di crine

Il guanto di crine si presenta come uno strumento esfoliante meccanico, dalla superficie grande come il palmo di una mano, spesso realizzato a forma di tasca oppure vero e proprio guanto in cui inserire la mano per facilitarne l’utilizzo: infatti praticamente si usa per sfregare la zona del corpo interessata come per applicarle un massaggio. La sua forma a manopola, ovvero con una sezione più piccola dedicata al pollice e un’altra più ampia per il resto delle dita rende più efficace e rapida la detersione del corpo e l’eventuale applicazione di prodotti cosmetici, scrub o bagnoschiuma. Può essere fatto anche a piccoli dischetti con maniglia, per un’azione più precisa e localizzata, o in versione “da viaggio”. Il materiale di cui è composto il guanto è crine di origine naturale, animale o vegetale. Il crine di origine animale è in genere ricavato dai cavalli, i cui peli della criniera sono particolarmente duri, resistenti e al contempo elastici, e donano al guanto la sua texture così rugosa.

In alternativa il guanto può essere realizzato in fibre vegetali di alcune piante come la palma da cocco e l’agave. Tra i vari tipi di guanti di crine, quello di cavallo è quello più pregiato per via della sua particolare durata e resistenza e per le sue specifiche proprietà che lo rendono efficace anche se bagnato, anzi perfino assorbente, e durevole e utilizzabile a lungo perché resistente alla deformazione. Il crine, inoltre, molto efficace ma al contempo delicato, è l’esfoliante più indicato per le pelli sensibili rispetto ad altri materiali naturali come ad esempio la spugna di luffa. Dove puoi comprarlo? Di solito ne sono ben fornite farmacie e parafarmacie, ma è molto comune ormai anche nei supermercati, nei negozi bio e in profumeria, e il suo costo può variare da qualche euro a qualche decina in base alla dimensione e alla qualità.

Come usare il guanto di crine

Come anticipato, il guanto di crine si usa per eseguire un massaggio sull’epidermide, più energico o delicato a seconda del bisogno, della delicatezza e sensibilità della zona interessata. Si usa per esempio sulle gambe, sulla schiena e in ogni area del corpo in cui sia necessario o desiderato un intervento esfoliante. Prima di procedere al massaggio, la pelle va inumidita per agevolare il passaggio del guanto e minimizzare la sensazione di sfregamento. Il guanto può essere utilizzato sia sotto la doccia che nella vasca, insistendo soprattutto nelle zone dove la pelle è più spessa, come i talloni, ma anche gomiti e ginocchia. E’ consigliabile l’utilizzo con cautela nelle zone più delicate, come ascelle, inguine, viso e petto, così come in caso di arrossamenti, presenza di nei, pelle screpolata o irritata, evitandolo del tutto in caso di abrasioni o lesioni all’epidermide.

Impiego e applicazioni dei guanti di crine

Il primo obiettivo per cui si sceglie di utilizzare il guanto di crine è l’esfoliazione: la pelle viene liberata dallo strato più superficiale di cellule morte, torna a respirare e ritrova la sua luminosità. Questo trattamento è ideale in vista dell’esposizione al sole, oppure in occasione della depilazione, ed è veramente un toccasana per coadiuvare il rinnovamento cellulare, tanto da diventare un appuntamento perfetto da dedicarsi alla fine dell’inverno e una buona abitudine da coltivare per tutta la bella stagione. A questo proposito, è bene sapere che l’esfoliazione spesso interviene su piccoli inestetismi come i peli incarniti, e spesso li risolve egregiamente. E’ quindi molto consigliato fare un massaggio con il guanto di crine prima di una ceretta, che sia fai-da-te o dall’estetista perché, sollevando i peli rimasti sottopelle, ne migliora il risultato.

Le applicazioni del guanto di crine non finiscono qui: si tratta anche di un prezioso alleato contro la ritenzione idrica e la cellulite. Regalarsi un massaggio con questo guanto è particolarmente stimolante per la circolazione sanguigna, nello specifico per la micro-circolazione, è un vero toccasana per i capillari e prepara il corpo all’applicazione di prodotti come creme idratanti o drenanti, migliorandone l’assorbimento e quindi rendendole più efficaci. Passandolo sulle gambe con movimenti circolari, inoltre, migliora il drenaggio dei liquidi e quindi contrasta l’inestetica buccia d’arancia, e può essere un valido supporto da abbinare all’utilizzo di creme e gel anti-cellulite per aumentarne l’effetto. Il guanto di crine è riutilizzabile: puoi conservarlo con cura e pulirlo accuratamente dopo ogni trattamento perché duri più a lungo. Il consiglio, poi, è di utilizzarlo una volta a settimana, l’ideale per mantenere la pelle luminosa e levigata. In questo modo potrà durare anche qualche mese, e in ogni caso è consigliabile sostituirlo alla fine della stagione estiva e all’inizio di ogni primavera.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come usare il guanto di crine