Come si calcola veramente l’età dei cani

E' scientificamente provato che la regola nota per cui un anno umano equivale a 7 anni canini non è corretta

Un super classico sui cani è che un loro anno valga 7 anni umani. E’ tanto un classico quanto un mito perchè in realtà anche la questione dell’età dei cani è molto più complicata di quello che si pensa comunemente.

Vediamo.

Ai 7 anni si era arrivati (non sono riuscita a ricostruire nè a chi nè a quando risale) dividendo una fantomatica lunghezza media della vita degli umani (77 anni) per una altrettanto fantomatica lunghezza media della vita dei cani (11 anni). 77/11 = 7.

Come abbiamo visto qualche tempo fa, però, in tempi relativamente recenti studiosi di ogni genere (tra questi, veterinari, etologi, biologi, antropologi, comportamentalisti, sociologi, psicologi), ovunque nel mondo, si sono accorti che i cani sono interessanti e tra i tantissimi aspetti della loro natura che sono stati e sono esplorati, c’è l’età e come funziona rispetto alla nostra.

Un primo fattore da considerare è che come per gli umani, anche per i cani non esiste una età in assoluto.

Esistono l’età cronologica e l’età biologica. L’età cronologica è facile, è data da quanto tempo è passato dal momento della nascita. L’età biologica è ‘una definizione soggettiva che si affida ad indicatori fisiologici per identificare lo sviluppo di un individuo‘ e usa indicatori tra cui l’indice di fragilità, che valuta lo stato di malattia, i livelli di attività e il deterioramento cognitivo e biomarcatori che comprendono anche i livelli di espressione genica.

Come si può immaginare, l’età cronologica e l’età biologica non necessariamente coincidono: Si può avere una età biologica superiore all’età cronologica o viceversa una età cronologica superiore all’età biologica. Questo vale per gli umani e vale anche per i cani e per quello che interessa noi, i quadrupedi, è anche un primo elemento che ci dice chiaramente perchè equiparare un anno umano a 7 anni canini è quantomeno impreciso.

Un fatto interessante è che un anno dei cani non equivale a 7 anni dei cani parrebbe essere il punto su cui i ricercatori concordano. Su come calcolare l’età dei cani in termini umani, infatti, le posizioni differiscono.

La American Veterinary Medical Association (la Associazione Americana della Medicina Veterinaria), ad esempio, ritiene che il modo corretto per calcolare l’età dei cani sia, per i cani di taglia media, considerare il primo anno pari a 15 anni umani, il secondo pari a 24 e poi dal terzo anno, calcolare ogni anno come 5 anni umani. Un cane di taglia media di 5 anni, quindi, avrebbe l’equivalente di 54 anni.

Che sia indicato che il calcolo vale per i cani di taglia media ci da una informazione ulteriore: nel calcolare l’età dei cani la taglia dell’animale è una variabile da considerare, con i cani di taglia piccola che maturano prima e vivono più a lungo dei cani di taglia grande. Gli anni pesano di più per i cani di taglia grande e meno per i cani di taglia piccola.

Un altro studio, questo di un gruppo di ricerca della University of California San Diego, ha invece analizzato un fenomeno chiamato metilazione del DNA che gli scienziati hanno chiamato orologio epigenetico perchè negli umani avviene in modo relativamente costante tanto da permettere di stimare in modo approssimativo l’età delle persone.

I cani vivono lo stesso fenomeno e la comparazione dell’orologio epigenetico degli umani e di quello dei cani ha rivelato che alcune fasi seguono lo stesso pattern per cui hanno stabilito che un cucciolo di cane di 7 mesi è come un piccolo umano di 9 mesi ma finita la primissima infanzia l’orologio dei cani si velocizza in modo importante andando ben oltre i famosi 7 anni visti all’inizio per poi riavvicinarsi ai ritmi umani più avanti negli anni.

Il calcolo dell’età umana dei cani secondo questa analisi è molto complesso e usa il logaritmo naturale dell’età di un cane, lo moltiplica per 16 e poi aggiunge 31. Secondo questa formula, ad esempio, un cane di 2 anni ha l’equivalente di 42 anni umani, un cane di 5 anni ne ha 56,75 e uno di 10 ne ha 67,8.

Questi numeri ci danno una altra informazione: l’età dei cani corre nei primi anni della loro vita, raggiunge una specie di plateau alla età adulta, per poi rallentare con l’avanzare dell’età delle creature pelose. Anche in questa fase avanzata non va mai in parallelo con gli anni umani ma, almeno rispetto all’inizio, si avvicina.

In conclusione: è scientificamente provato che la regola nota per calcolare l’età dei cani in termini umani per cui un anno canino = 7 anni umani non è corretta.

E’ egualmente scientificamente provato che i primi anni di vita dei cani pesano molto più di quelli degli umani – non c’è invece accordo su quanto valgano, come abbiamo visto – e si avvicinano a quelli umani con l’avanzare dell’età dei quadrupedi.

Detto questo, anche per i cani esistono una età cronologica e una età biologica, con alimentazione, stile di vita e condizioni di salute sia fisica sia mentale che pesano in modo importante sul loro invecchiamento, e sui loro anni influiscono la taglia e il peso, con i cani più grandi e pesanti che invecchiano prima e hanno vita più breve dei cani piccoli e più leggeri.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come si calcola veramente l’età dei cani