5 consigli per un’estate sostenibile: ecco cosa fare per essere green

Possiamo essere eco anche quando fa caldo o siamo in vacanza: ecco 5 consigli utili!

Foto di Angela Inferrera

Angela Inferrera

Fashion blogger e esperta green

Anche d’estate è possibile avere dei comportamenti più green e amici dell’ambiente: il caldo e il fatto di essere spesso fuori casa non devono essere una scusa per non comportarci in modo ecologico!

5 consigli per un’estate sostenibile: usa la borraccia

Sembra una banalità, ma l’uso di una borraccia al posto di bottiglie di plastica usa e getta, anche se in PET riciclato, ha un impatto sull’ambiente decisamente minore. Una bottiglia, infatti, anche se la riutilizziamo, prima o dopo dovremo buttarla, mentre una borraccia in alluminio, anche se ha un costo maggiore in termini di emissioni, dura molto di più e soprattutto l’alluminio. riciclabile all’infinito. Senza contare che mantiene la temperatura delle bevande, cosa che in estate non guasta affatto!

5 consigli per un'estate sostenibile

5 consigli per un’estate sostenibile: prevedi snack plastic free e zero waste

Cerchiamo di limitare il più possibile l’uso di oggetti di usa e getta come piatti e posate di carta, soprattutto se prevediamo gite fuori porta o scampagnate, anche con i nostri bambini. Se possibile, utilizziamo contenitori che poi riporteremo a casa, in modo da generare la minor quantità possibile di rifiuti. Un esempio? Tra una merendina confezionata, di cui si getterà via l’imballaggio, e un vasetto di frutta (mirtilli, fragole, albicocche) da mangiare anche con le mani, se non volete portarvi dietro una posata, meglio la seconda: non solo è più sana, ma è anche totalmente zero waste.

5 consigli per un'estate sostenibile

5 consigli per un’estate sostenibile: occhio alla protezione solare

Non tutti lo sanno, ma spesso la protezione solare contiene degli agenti inquinanti che uccidono i micro organismi marini. Visto che dobbiamo spalmarcela addosso più volte al giorno, vale la pena sceglierne una che abbia filtri solari compatibili con l’acqua del mare. Sono migliori le versioni water resistant, ovvero non idrosolubili e che quindi rimangono più a lungo sulla pelle proteggendo l’ambiente. La formula deve essere biodegradabile, con filtri solari minerali a bassi dosaggi, ovviamente senza microplastiche e senza petrolati (il biossido di titanio, oxybenzone e octinoxate) dannosi per la vita marina, e che impiegano moltissimi anni prima di decomporsi.

5 consigli per un’estate sostenibile: rinfrescate la casa in modo naturale

Non pensate immediatamente ad accendere l’aria condizionata: provate prima a rinfrescare l’aria di casa tenendo abbassate tapparelle e veneziane nelle ore più calde e favorendo la generazione di un circolo di corrente che favorirà il movimento d’aria. Inoltre, se possibile, meglio optare per soluzione termoisolanti, che appunto isolano la casa sia dal freddo in inverno che dal caldo in estate.

5 consigli per un’estate sostenibile: cerchiamo di evitare sprechi di acqua ed energia

È facilissimo d’estate sprecare acqua ed energia: basti pensare ai condizionatori, che sarebbe bene regolare a temperature non superiori ai 25 gradi, ma anche alle docce più frequenti, al ghiaccio e simili. Non dico che dobbiamo per forza stare al caldo, ma almeno ragioniamo sul nostro impatto ambientale: invece di tirare fuori 5 bevante dal frigo a inizio pasto, che poi si scalderanno e occorrerà del ghiaccio per raffreddarle, meglio, ad esempio, estrarle una o due alla volta e rimpiazzarle man mano che si finiscono. Piccole cose, ma che, messe insieme, possono fare la differenza!

5 consigli per un'estate sostenibile