Che fine ha fatto Miguel Bosé

L'artista ha 65 anni e nel corso della sua lunga carriera musicale ha venduto circa 30 milioni di dischi

Sessantacinque anni di cui molti trascorsi a lavorare nel mondo dello spettacolo: Miguel Bosé festeggia il suo compleanno, è nato infatti a Panama il 3 aprile del 1956 dall’attrice italiana Lucia Bosé e dal torero Luis Miguel González Lucas.

Miguel Bosé negli ultimi anni ha preso parte a diversi progetti. Dal punto di vista musicale il suo ultimo album è datato 2015: si tratta di Amo, ma nella sua carriera non mancano collaborazioni tra le ultime quella del 2019 con le Ha*Ash per il brano dell’artista Si tú no vuelves, uscito la prima volta nel 1992. Sul fronte televisivo lo si può ricordare nelle vesti di direttore artistico della squadra blu nel corso della dodicesima e poi della tredicesima edizione di Amici, mentre nel 2019 è stato giudice di Pequeños Gigantes trasmissione televisiva messicana.

Una carriera ricca di soddisfazioni la sua: Miguel Bosé sin da bambino ha vissuto immerso nell’arte basti pensare che il suo padrino era il regista Luchino Visconti. In Italia ha esordito iniziando a farsi conoscere nel  1978 con il singolo Anna. Tanti i successi, solo in Italia si può ricordare  – ad esempio  – che ha vinto tre volte il Festivalbar: nel 1980 con Olympic Games, nel 1982 con Bravi ragazzi e nel 1994 con Se tu non torni.

Nel corso della carriera ha dato vita a una ventina di album, vendendo circa 30 milioni di dischi in tutto il mondo.

Tra i primi album si può ricordare Linda (del 1977), precedentemente Miguel Bosé aveva inciso due singoli, poi a seguire Chicas! del 1979, con il brano successo internazionale Super Superman. Questi sono solo i primi  lavori dell’artista che lo fanno conoscere ed affermare. Da ricordare anche nel 1983 l’album Milano  – Madrid, con la copertina disegnata da Andy Warhol. Tra gli altri lavori si possono ricordare Bandido del 1984, Salamandra del 1986, XXX del 1987. E poi ancora l’album del 1994 Sotto il segno di Caino, Labirinto del 1996 e nel 2007 Papito un album di duetti in cui canta con diverse artisti come Shakira, Mina, Laura Pausini e Ricky Martin.

Alla carriera musicale Miguel Bosé negli anni ha affiancato anche quella cinematografica. Della sua filmografia si possono ricordare, ad esempio, Tacchi a spillo di Pedro Almodóvar del 1991 e Suspiria di Dario Argento del 1977. Tra i suoi numerosi lavori anche la miniserie Il segreto del Sahara del 1988 per la regia di Alberto Negrin. Nel suo curriculum vi è anche il teatro.

Da non dimenticare la sua carriera televisiva sia in Italia che all’estero. Nel nostro Paese, oltre ad Amici, ad esempio ha preso parte al festival di Sanremo con il ruolo di presentatore nel 1988, ha lavorato ad Operazione trionfo nel 2002.

Dal punto di vista privato è stato a lungo legato con lo scultore Nacho Palau, da cui si è separato nel 2018. Nel 2011 è diventato padre tramite maternità surrogata di due gemelli e sette mesi dopo di altri due gemelli. A ottobre del 2020 è andato in tribunale per il processo che lo ha visto contrapposto al suo storico compagno scultore per i quattro figli.

Miguel Bosé ha un account su Instagram seguito da oltre 920mila follower, ma al momento non vi sono pubblicate immagini.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Che fine ha fatto Miguel Bosé