#SegretiDelCuore

Cambio casa e città: come affrontare il cambiamento e una nuova vita

La famiglia di Nina ha deciso di trasferirsi in un'altra città: ora lei deve affrontare una realtà sconosciuta. Ma può farlo nel modo giusto

Marina Mannino

Giornalista e Blogger

Ho 16 anni e sto vivendo un’esperienza terribile. Mio padre ha avuto un’offerta di lavoro molto vantaggiosa e ha accettato. Purtroppo però questo nuovo impiego è in un’altra regione. Quindi i miei hanno deciso che la cosa migliore fosse trasferirci nella città dove mio padre ha il nuovo lavoro. Così ho dovuto dire addio alla mia casa, al posto dove sono cresciuta, ai miei amici, alla scuola, al ragazzo che mi piace per affrontare un luogo totalmente estraneo dove non conosco nessuno, e a settembre mi troverò in una scuola nuova in mezzo a persone ignote. Non ce la posso fare ad ambientarmi qui e penso che ai miei non importi niente di me altrimenti non mi avrebbero fatto questo.

Nina

Lo spostamento in un’altra città è uno shock per chiunque: genera apprensione e ansia anche in chi lo ha scelto e lo vive con entusiasmo. A maggior ragione lo è per chi, come te, è coinvolta in una decisione radicale che non hai preso tu in prima persona ma è stata maturata e concordata dai tuoi genitori.

Tu sei convinta che ai tuoi non importi nulla di te “altrimenti – scrivi – non mi avrebbero fatto questo”: eppure non è così. Se tuo padre ha accettato un lavoro nuovo e vantaggioso, sebbene in una nuova città, lo ha fatto anche per garantire a te un futuro migliore e una sicurezza economica alla vostra famiglia.

Ora però devi trovare il modo di alleviare il tuo comprensibile disagio di trovarti in una realtà sconosciuta: ecco qualche consiglio!

Come affrontare il cambiamento

Tieni vicine le tue amiche

Comincia intanto proprio da loro: una chat di gruppo può farti ritrovare il calore del vostro legame, anche a distanza! Aggiornale con i tuoi racconti su cosa fai nella nuova città, rendile partecipi e fatti raccontare cosa succede nella vecchia scuola: i loro vocali affettuosi potranno fartele sentire vicine, anche se fisicamente lontane. E poi potrete riproporre qualche merenda online, Netflix party o sedute di chiacchiere fino a tarda notte!

E quel ragazzo che ti piace? Proponigli di venire a trovarti.

Affronta il cambiamento con positività

Puoi scegliere di affrontare questo cambiamento con rabbia e riversare le tue emozioni negative sugli altri (ad esempio, litigando con i tuoi, per poi starci male) oppure decidere di viverlo come un’opportunità da fronteggiare con grinta. Quindi volta pagina e passa all’attacco: passeggia nelle vie della città, impara le strade e fai pratica con i mezzi di trasporto. Se hai dei vicini di casa della tua età, cerca di stabilire un contatto con loro. Indaga se c’è una palestra adatta a te nei dintorni, frequentata da ragazze della tua età.

Fai il primo passo

Fare il primo passo è facile: basta una semplice domanda (“ci siamo appena trasferiti, che c’è da vedere in città?”) per suscitare interesse ed empatia nell’interlocutore. L’importante è uscire dal “guscio”: la vita non viene a bussare alla porta della tua stanza, ma sei tu che devi andarle incontro. Non metterti fretta, ma allo stesso tempo non chiuderti alle nuove occasioni. Chissà quante ragazze simpatiche e ragazzi divertenti ci sono in questa nuova città!

A scuola, poi, ci metterai pochissimo a entrare in qualche giro di compagni interessati a te: un sorriso, un gesto gentile, uno sguardo di approvazione saranno il lasciapassare per entrare in un nuovo gruppo di amiche. E in poco tempo ti troverai ad amare questo luogo che ora senti ostile e nemico, e a chiamarlo casa.