Come lavare e igienizzare i cuscini

Lavare i cuscini è un'operazione da svolgere regolarmente: ecco come fare

Il lavaggio dei cuscini è fondamentale per rimuovere le cellule morte della pelle, gli acari della polvere e l’umidità. Molto spesso però questo tipo di pulizia viene completamente dimenticata, rispetto ad esempio alla pulizia del materasso.

In realtà, si tratta di un lavaggio da non sottovalutare: è consigliabile pulire i cuscini almeno ogni tre mesi. Inoltre può capitare che quest’ultimi ingialliscano col trascorrere del tempo, ma è del tutto normale.

Ogni tipologia di cuscino deve seguire un particolare processo di pulizia, sia che siano sintetici, sia che siano in piuma d’oca, sia invece che siano in lattice. Se ti stai chiedendo come lavare i cuscini di casa, ecco alcuni consigli utili da mettere subito in pratica.

Ogni quanto lavare i cuscini?

Tutti ce lo siamo chiesti almeno una volta: ma ogni quanto è necessaria la pulizia dei cuscini? Molti se ne dimenticano fino a quando non scelgono di sostituirli, ma la pulizia dei cuscini è fondamentale per dormire in un luogo salubre e rimuovere batteri, umidità e polvere che si deposita.

Alcuni scelgono di farlo una volta al mese, ma in generale è buona prassi lavarli almeno una volta ogni 3 mesi. Mentre la loro sostituzione andrebbe fatta ogni 2 anni circa. Il lavaggio dei cuscini può seguire ad esempio quello del materasso, in modo da igienizzare alla perfezione tutto l’ambiente notte.

Come lavare i cuscini sintetici

Passiamo ora alla prima tipologia di cuscini per la notte: quelli sintetici, quindi a base di poliestere. Sono tra i più diffusi e sicuramente, se non ne hai un sintetico per la zona notte, ti può capitare di averno uno per la zona giorno ad esempio per una poltrona o per il divano. In ogni caso, quando devi lavare i cuscini sintetici ti basterà metterli in lavatrice con un lavaggio delicato e una leggera centrifuga.

Per renderli ancora più bianchi e splendenti, puoi aggiungere un goccio di aceto nella vaschetta del detersivo. È molto importante comunque che la temperatura del lavaggio non superi i 30°C. Dato che a volte i cuscini sintetici si comportano un po’ come delle spugne, è bene evitare l’utilizzo di abbondante detersivo, in modo che alla fine del lavaggio siano perfettamente risciacquati.

Se i tuoi cuscini hanno delle macchie, prima di metterli in lavatrice puoi strofinarli con un panno umido o con una spazzola.

Come lavare i cuscini in piuma d’oca

I cuscini in piuma d’oca sono estremamente morbidi e sono tra i più apprezzati anche da chi soffre di problemi di cervicale. Sono però anche molto delicati e per questo è consigliabile lavarli a mano oppure a secco.

Come prima cosa, verifica che non ci siano tagli nella fodera perché se entra acqua all’interno, si rovina tutto il piumaggio. In seguito puoi scegliere se eliminare le macchie con una spazzola o con un panno umido e in seguito lasciargli prendere aria e sole per qualche ora, oppure se lavarli a mano in acqua fredda.

Nel secondo caso, ti basterà prendere una bacinella, riempirla di acqua fredda, succo di limone e sale grosso. Poi immergi il cuscino, lo lasci a bagno per qualche ora, in seguito lo strizzi e lo metti al sole ad asciugare. La fase di asciugatura è estremamente importante perché se utilizzi un cuscino umido, il rischio di proliferazione di batteri e acari è molto elevato.

In inverno, se non puoi stenderli al sole, ricordati che puoi utilizzare sempre il phon o l’asciugatrice, ma senza eccedere nella temperatura e per un tempo non superiore ai 15 minuti. Una volta asciutto, dovrai scuotere il cuscino per far tornare le piume nella posizione desiderata.

Se riesci, prediligi un lavaggio a secco in modo che le piume si preservino e non vengano bagnate o riscaldate in modo eccessivo.

Come lavare i cuscini in lattice

I cuscini in lattice invece seguono un procedimento diverso rispetto a tutti gli altri. Come prima cosa non tutti possono essere lavati e pertanto, è necessario controllare l’etichetta di ogni singolo cuscino per avere la certezza del tipo di lavaggio ideale.

Se presentano macchie puoi scegliere di eliminarle con una spazzola o con un panno umido. Puoi inoltre lavarli a mano in una bacinella di acqua tiepida e aceto. Se preferisci utilizzare la lavatrice dovrai scegliere un programma per capi delicati e con una temperatura massima di 30°C.

L’asciugatura non deve essere effettuata sotto i raggi del sole, ma vanno messi all’ombra in verticale. Ricorda quindi che, anche per la tua routine di pulizia quotidiana, i cuscini in lattice non hanno la necessità dei raggi di sole per igienizzarsi. Tra tutte le tipologie, quelli in lattice sono forse i più delicati perché il rischio è di rovinare la schiuma interna.

Gli strumenti utili per la pulizia dei cuscini

Lavare i cuscini è un’attività semplice e che non richiede molto tempo, per questo è consigliabile effettuarla con regolarità. Ti bastano anche pochi e semplici strumenti, tra cui:

  • la lavatrice, nel caso dei cuscini sintetici e in piuma d’oca, impostando il tipo di lavaggio e la temperatura ideali;
  • una spazzola, nel caso in cui ci siano delle macchie che necessitano di essere strofinate preventivamente al lavaggio;
  • un panno umido che spesso può essere sostituito al lavaggio ed è utile per rimuovere le macchie, ma richiede che poi i cuscini siano stesi ai raggi del sole per beneficiarne del potere igienizzante;
  • prodotti naturali come l’aceto, il limone, il bicarbonato o gli oli essenziali che oltre ad avere un potere antibatterico e antimicotico, donano anche un’ottima profumazione.

Consigli utili per il lavaggio e l’asciugatura

Ecco infine alcuni consigli utili che possono fare la differenza quando scegli di lavare i tuoi cuscini, a prescindere dalla loro tipologia.

Il lavaggio a mano è sempre preferibile, in particolare se si tratta di cuscini delicati come quelli in piuma d’oca o in lattice. Al posto del detersivo per il bucato, puoi utilizzare il sapone di Marsiglia che lava e pulisce, ma senza aggredire i tessuti. Ricorda sempre inoltre che la fase di risciacquo è molto importante, altrimenti rischi di lasciare il detersivo o il sapone all’interno.

Se scegli di utilizzare la lavatrice è bene scegliere lavaggi non troppo aggressivi e con temperature che non superino i 30°C. Anche la centrifuga non deve superare i 1000 giri e l’asciugatrice non deve avere temperature troppo elevate.

In generale è consigliabile sempre controllare l’etichetta, per ogni tipologia di cuscino, perché le aziende produttrici specificano le modalità di lavaggio ideali sia per l’imbottitura, sia per il tessuto.

L’asciugatura è un processo molto delicato, quelli in lattice non possono essere esposti al sole, mentre gli altri assolutamente sì, anzi ne beneficiano. Puoi scegliere quindi di asciugarli in alternativa all’ombra, oppure con un phon o in asciugatrice, ma sempre facendo attenzione alle temperature.

I cuscini in piuma d’oca e quelli sintetici non dovrebbero mai essere stesi verticali, perché con l’asciugatura rischiano di perdere la forma originale. È meglio invece metterli orizzontali e girarli ogni 3 ore circa.

Un ultimo consiglio: per capire quando devi sostituire il cuscino puoi effettuare una prova. Ti basterà piegarlo a metà e mollare la presa. Se torna alla forma originale allora è ancora buono e si può continuare ad utilizzare. Se invece resta piegato, è giunto il momento di acquistare dei cuscini nuovi di zecca per favorire il giusto riposo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come lavare e igienizzare i cuscini