Chi è Ann-Christine Pettersson, l’ex moglie di Sven-Göran Eriksson

Ann-Christine Pettersson, con cui Sven-Göran Eriksson è stato sposato per quasi 20 anni, è anche madre dei suoi due figli

Sven-Goran Eriksson è uno degli allenatori più amati dai tifosi di calcio italiani. Il suo nome è purtroppo tornato alla ribalta a causa di una brutta malattia, contro la quale il tecnico svedese sta combattendo con forza e caparbietà. Una situazione delicata in cui amici, colleghi sportivi ed ex avversari non gli hanno fatto mancare il proprio sostegno, memori delle vittorie e dei grandi successi messi a segno sul campo di calcio. Ma nel passato di Eriksson, oltre a coppe e scudetti, c’è stato spazio anche per dei grandi amori: su tutti, quello per l’ex moglie Ann-Christine Pettersson, dalla quale ha avuto i suoi due figli. Ma cosa fa oggi l’ex signora Eriksson? E che notizie si hanno sul suo conto?

Chi è Ann-Christine Pettersson, ex moglie di Sven-Göran Eriksson

Delle imprese calcistiche di Sven-Goran Eriksson si è molto scritto, ma anche la sua turbolenta vita sentimentale ha fatto discutere. L’ex allenatore è stato sposato dal 1977 al 1994 ad Ann-Christine Pettersson, dalla quale ha avuto i due figli Johan, nato nel 1979, e Lina, nata nel 1987. Lontana dal mondo dello sport e dello spettacolo, la donna è sempre stata molto riservata, e non si hanno molte informazioni sul suo conto. Per ammissione dello stesso Eriksson, la loro unione è terminata a causa della sua relazione con Graziella Mancinelli.

Eriksson e Nancy Dell'Olio
Fonte: IPA
Eriksson e Nancy Dell’Olio

Dopo il divorzio, Eriksson ha avuto frequentazioni con altre donne, tra cui l’attrice Debora Caprioglio, l’avvocata italiana Nancy Dell’Olio, la conduttrice svedese Ulrika Johnson e la segretaria della Federazione Calcio inglese Faria Alam. Relazioni che, nel bene e nel male, sono costate all’allenatore le copertine di molti tabloid: “Non ero preparato a questo interesse per cose che non riguardano il calcio. Non sono contento del fatto che probabilmente i tifosi possano fare i nomi di almeno tre delle mie ex fidanzate. Non credo che queste storie abbiano in qualche modo danneggato i miei risultati calcistici, ma la mia immagine di uomo fuori dal campo sì” aveva dichiarato in un’intervista ad History Channel.

Sven-Goran Eriksson: il drammatico annuncio

Sven-Goran Eriksson, ex allenatore di Roma, Lazio e della nazionale inglese, ha condiviso nella giornata di ieri delle novità sulle sue condizioni di salute, le stesse che lo avevano portato lo scorso anno a dire addio al mondo del calcio. “Tutti sanno che ho una malattia. Tutti vedono che ho il cancro. Ma devo lottare finché posso. Forse nella migliore delle ipotesi mi resta un anno di vita. Forse meno. Non posso esserne assolutamente sicuro, ma è meglio non pensarci. Devo combattere il più a lungo possibile, posso ingannare il mio cervello. Vedere il lato positivo delle cose, non crogiolarmi nelle avversità. Queste sono ovviamente le avversità più grandi, ma devo trarre qualcosa di buono da esse” ha spiegato il tecnico svedese con il coraggio che da sempre lo contraddistingue.

La notizia ha immediatamente fatto il giro del globo, seminando lo sconforto nel mondo del calcio italiano, estremamente affezionato ad Eriksson: l’allenatore era infatti arrivato nel Belpaese nel 1984 alla guida della Roma. E nel nostro campionato aveva collezionato anche esperienze a Firenze, dal 1987 al 1989, alla Sampdoria (1992-1997) e, soprattutto, alla Lazio: proprio alla guida della squadra di Cragnotti riuscì a vincere sei trofei e lo scudetto nella stagione 1999-2000, davanti alla Juventus. Successivamente si trasferì in Inghilterra, diventando il primo CT straniero a guidare la nazionale inglese di David Beckham, che portò ai quarti di finale ai mondiali di Corea e Giappone nel 2002.