Come riciclare gli avanzi: il decalogo antispreco della Coldiretti

Dalla lista della spesa agli avanzi: ecco come limitare gli sprechi alimentari con il decalogo di Coldiretti

In occasione della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare, Coldiretti ha presentato il decalogo antispreco.

Secondo una recente indagine infatti sono oltre 16 miliardi gli alimenti che ogni anno finiscono fra i rifiuti. Uno spreco senza precedenti che si potrebbe facilmente evitare semplicemente seguendo i consigli di Coldiretti. Ecco il decalogo diffuso dall’associazione e come seguirlo al meglio per limitare lo spreco alimentare.

Fate la lista della spesa – Fare la lista della spesa consente di evitare inutili sprechi. A chi non è capitato almeno una volta di andare al supermercato per comprare il detersivo per i piatti e ritrovarsi alla cassa con il carrello pieno di prodotti inutili?

Fate acquisti ridotti e ripetuti nel tempo – Chi realizza una maxi spesa ogni quindici giorni o una volta al mese rischia di ritrovarsi nella dispensa prodotti che scadranno presto, aumentando lo spreco. Meglio invece puntare su acquisti ridotti e che siano ripetuti nel tempo, per comprare solo ciò di cui avete bisogno.

Comprate a Km 0 – Gli acquisti a Km 0 consentono di scegliere con attenzione i prodotti, in particolare frutta e verdura. In questo modo la scadenza sarà più prolungata e si avrà una conoscenza migliore del grado di maturazione.

Seguite la stagionalità dei prodotti – Frutta e verdura spesso finiscono nel bidone perché maturano troppo in fretta oppure sono particolarmente acerbi. La soluzione in questi casi è acquistare prodotti di stagione, che risulteranno anche più sani. Optate per il giusto grado di maturazione e dividete sempre le varietà.

Separate i cibi – Separare i cibi che si consumano subito rispetto a quelli che hanno una scadenza più lunga è una mossa intelligente per organizzare al meglio i pasti ed evitare qualsiasi spreco. Seguendo questo criterio organizzate al meglio la dispensa e il frigorifero.

Controllate sempre l’etichetta – Ogni volta che si acquista un prodotto al supermercato è fondamentale leggere con attenzione l’etichetta e la data di scadenza riportata. Se appare la scritta “da consumarsi entro” vuol dire che l’alimento andrà consumato obbligatoriamente entro quella data, se invece leggiamo “da consumarsi preferibilmente entro il…” la data indica solamente il periodo entro il quale il cibo conserverà le sue proprietà organolettiche.

Chiedete la doggy bag – Sono sempre più le persone che quando vanno al ristorante chiedono di portare via gli avanzi. Questa usanza tutta straniera e arrivata da poco in Italia consente di limitare gli sprechi.

Cucinate gli avanzi – Sono tantissime le ricette antispreco che consentono di cucinare gli avanzi in modo intelligente e goloso. Provate la frittata di pasta, le polpette, il pane raffermo con il sugo, ma anche la macedonia e le composte di frutta.

Come riciclare gli avanzi: il decalogo antispreco della Coldirett...