Come vivere più tranquilli – I dispositivi wearable che fanno bene alla salute

La tecnologia non solo può semplificare la nostra vita, ma ci può essere utile per stare bene e mantenerci in forma. Avete già sentito parlare dei dispositivi wearable?

Dispositivi wearable, cosa sono?
Secondo recenti indagini sempre più persone utilizzano dispositivi wearable, ovvero quei dispositivi tecnologici che si indossano. Ne sono un esempio i bracciali che tengono traccia dell’attività fisica svolta e gli smart watch, ovvero gli orologi digitali su cui si possono scaricare app che raccolgono dati in merito alle ore di sonno, al numero dei passi, al battito cardiaco e via dicendo.

Questi device, potendo raccogliere con precisione un’ampia gamma di dati (alcuni rilevano non solo informazioni circa l’attività fisica e il sonno, ma anche il consumo di acqua, la temperatura corporea, gli sbalzi d’umore, l’attività cerebrale, i livelli di lattato, i segnali elettrici e biochimici dell’organismo o la presenza di disfunzioni), si rivelano essere uno strumento davvero prezioso per salvaguardare la salute, la linea e per prevenire disturbi di vario genere. Chi li utilizza può infatti contare su una serie di informazioni in merito al proprio stato fisico che gli permettono di decidere se è il caso di intervenire sul proprio stile di vita e come.

Ciò avviene perché indossare questi strumenti e monitorare i dati raccolti porta inevitabilmente a una maggiore consapevolezza sul proprio stato di salute che ha ripercussioni sulle abitudini quotidiane e sulle scelte che hanno un impatto sul proprio benessere.

La tecnologia che fa bene alla salute
I dispositivi wearable più indicati per mantenere un buon livello di salute, sono quelli che rilevano dati come:

– le ore e la qualità del sonno. Dormire infatti è fondamentale per avere la giusta energia e concentrazione per svolgere le attività quotidiane. Incide inoltre sull’umore e sul rapporto con gli altri. I dispositivi tecnologici mettono in evidenza anche l’impatto sul sonno di quel che mangiate, di quel che bevete, dell’attività fisica che praticate la sera, delle abitudini serali, permettendo di trarre conclusioni su come intervenire per avere un buon riposo;

– la frequenza cardiaca. Questo parametro vi servirà a capire se e quanto certe situazioni hanno un effetto stressante su di voi, onde evitare di andare incontro a disturbi di vario genere. E’ risaputo infatti che lo stress è alla base di numerose patologie;

attività fisica. Rilevare la quantità e la qualità del vostro movimento vi permetterà di capire se siete troppo sedentari o se invece state mettendo a dura prova il vostro fisico con sessioni di allenamento eccessive. Potrete anche capire l’effetto che il movimento ha su di voi in base all’orario in cui lo praticate. Restare in forma e in salute, con queste informazioni aggiuntive, sarà molto più facile.

Dispositivi all’avanguardia
Se questi sopra descritti sono i device con le informazioni più semplici sappiate che ne esistono alcuni davvero all’avanguardia, tant’è vero che vengono usati anche nell’ambito di studi clinici. Ve ne segnaliamo tre davvero avveniristici:

  • nel 2018 è stato realizzato EGG (electrogastrography), un dispositivo indossabile che attraverso l’applicazione di speciali adesivi sul ventre controlla l’attività digestiva;
  • esiste un cerotto dentale che si mette sull’incisivo e controlla la quantità e la qualità di tutto quello che si mangia, fornendo indicazioni sulla relazione tra il cibo ingerito e la propria salute.
  • QSun è un dispositivo perfetto in estate dal momento che rileva la potenza dai raggi UV, mettendo in guardia da un’eccessiva esposizione alle radiazioni ultraviolette.

Dispositivi wearable e coperture assicurative
L’impatto di questi strumenti si è fatto sentire anche nel settore assicurativo. Le informazioni che si rilevano con i dispositivi wearable sono infatti preziose per ridurre i costi delle coperture assicurative legate al rimborso delle spese mediche. Se infatti il primo passo per tutelare la propria salute è quella di prevenire le malattie attraverso uno stile di vita sano (e questi dispositivi ci aiutano a farlo), il secondo passo è quello di assicurarsi per evitare situazioni impreviste. Un esempio di come i dispositivi tecnologici possono abbinarsi all’attività assicurativa è fornito da Reale Mutua, che ha associato al suo prodotto RealmenteInSalute (pensato per tutelare il benessere della famiglia attraverso programmi di prevenzione, cura e assistenza continuativa) servizi innovativi e contenuti tecnologici che premiano con sconti sul costo della polizza sia il buono stato di salute del cliente sia il suo impegno a mantenere uno stile di vita sano e attivo.

In collaborazione con Reale Mutua

Come vivere più tranquilli – I dispositivi wearable che fanno b...