Come convertire le taglie americane dei pantaloni

Per non sbagliare gli acquisti online, è importante sapere come convertire le taglie internazionali: ecco una guida per farlo nel modo giusto

I tuoi jeans preferiti ormai non ti stanno più e vorresti acquistarne di nuovi, oppure sei alla ricerca di un paio di pantaloni da abbinare al tuo outfit, eppure, nonostante le ricerche, in negozio non riesci proprio a trovare ciò di cui hai bisogno; o magari hai messo gli occhi su dei pantaloni griffati che però non rientrano nel tuo budget: in molti casi, la soluzione può essere quella di acquistare direttamente online i tuoi abiti.

Se sei poco pratica dello shopping online oppure semplicemente hai paura di ricevere dei pantaloni che non ti stanno, puoi usare un semplice metodo di conversione che consiste nell’aggiungere determinate cifre numeriche alla taglia di partenza, per avere la certezza di acquistare sempre capi che ti staranno a pennello. Scopri come nella tabella qui sotto!

A cosa serve la conversione delle taglie

In un mercato sempre più globalizzato, i siti di e-commerce e di shopping online sono rapidamente diventati un vero e proprio punto di riferimento per gli acquisti di ogni tipo. In particolare per quanto riguarda il settore della moda e dell’abbigliamento, il web pullula di store che offrono un vastissimo catalogo capace di soddisfare le esigenze di qualsiasi cliente; inoltre, gli store digitali spesso propongono prezzi competitivi ed è possibile usufruire di sconti e promozioni davvero vantaggiosi.

Uno dei principali svantaggi di comprare abbigliamento online tuttavia, rimane l’impossibilità di provare i capi. Sebbene vengano mostrate descrizioni dettagliate e tabelle con tutte le misure dell’abito, spesso non è così semplice districarsi tra tutte queste cifre.

Anche in negozio d’altronde può esserti capitato di ritrovarti spiazzata di fronte ad un cartellino pressoché indecifrabile, senza riuscire a trovare la taglia giusta; molte catene di negozi e marche d’abbigliamento estere, infatti, utilizzano un sistema di misure americano o internazionale che comporta delle taglie diverse rispetto a quelle italiane.

A chiunque è capitato almeno una volta di dover portare in camerino una montagna di vestiti uguali di tutte le misure, oppure di doversi rivolgere ad una commessa per riuscire ad individuare la taglia adatta o il modello di jeans giusto. Purtroppo convertire le taglie americane o europee non è semplicissimo in quanto la modalità di misurazione e ciò che concretamente si misura, è notevolmente differente oltreoceano.

A quali taglie corrispondono le misure americane

Un metodo molto utile per scoprire a quale taglia corrispondono le misure americane, consiste nell’aggiungere una certa cifra alla taglia di partenza: per convertire ad esempio le taglie americane di jeans e pantaloni, non dovrai far altro che aggiungere 16; le taglie femminili però sono leggermente più variabili, per questo può essere utile aiutarsi con le misure internazionali. Ecco un pratico schema per la conversione delle taglie di pantaloni americane, internazionali e italiane, da donna e da uomo:

Taglie USA 24-25 26 27-28 28 29-30 31-32 33-34 35-36 37-38
Taglie internazionali XXS XS S M M/L L XL XXL XXXL
Taglie IT 36 38 40 42 44 46 48 50 50+
Taglie USA 26-27 28-29 30-31 32-33 34-35 36-37 38-39 40-41 42-43
taglie internazionali XS S S/M M L L/XL XL XXL XXXL
taglie IT 42 44 46 48 50 52 54 56 58

A volte sull’etichetta potrebbero essere riportati anche altri dai come “W” ed “L”: questi si riferiscono rispettivamente alla misura del girovita e alla lunghezza dei pantaloni; attenzione però, è importante ricordare che queste misure sono espresse in pollici anziché in centimetri, quindi per non sbagliare con le taglie americane, bisogna moltiplicare il valore numerico per 2,54.

Bisogna tenere presente comunque che possono esserci alcune variazioni a seconda del brand produttore, per cui è consigliabile verificare sempre anche le tabelle di conversione proposte sui siti d’acquisto.

Conversione delle taglie americane e italiane

Utilizzando lo stesso principio è possibile convertire le taglie di qualsiasi capo d’abbigliamento, tuttavia sfortunatamente non esiste una cifra unica a cui fare riferimento. Quando si tratta di convertire la taglia di abiti, cappotti e completi il trucco è aggiungere 10 alla taglia straniera: dunque, la 32 americana corrisponde alla 42 italiana, la 34 alla 44, la 36 alla 46 e via dicendo.

Per quanto riguarda le camicie invece la cifra da aggiungere alla taglia americana è 30, tuttavia bisogna tenere presente anche la misura del collo: per non sbagliare, basterà ricordare che la 36 italiana corrisponde alla 14 americana e le successive aumentano di mezza taglia, così che la 37 corrisponde alla 141⁄2, la 38 alla 15, la 39 alla 151⁄2 ecc.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come convertire le taglie americane dei pantaloni