Prati Prati blocca il film su Mark Caltagirone: “Potrebbe danneggiarla”

La Prati ha deciso di bloccare il film su Mark Caltagirone perché lesivo per la sua immagine.

Pamela Prati non ci sta e blocca, tramite i suoi legali il film sul caso Mark Caltagirone. Nei giorni scorsi il regista Gianni Ippoliti aveva annunciato l’uscita di un corto che raccontava il matrimonio fantasma della showgirl sarda.

La proiezione della pellicola, intitolata Mark Caltagirone, una storia italiana, era prevista al Festival del Cinema di Maratea il prossimo 26 luglio. A quanto pare però la presentazione non ci sarà per volere della Prati che ha dato mandato ai suoi legali di bloccare tutto.

Lo staff della showgirl infatti teme che il cortometraggio possa in qualche modo danneggiare la sua immagine, per questo ha diffidato l’organizzazione del Festival lucano dedicato al cinema. Nessuno dunque potrà vedere, almeno per ora, il corto di due minuti e mezzo.

“Secondo gli avvocati della Prati si preannuncia altamente lesivo per la showgirl e quindi potrebbe danneggiarla – ha svelato Gianni Ippoliti ad Adnkronos -. Capisco che avrebbe voluto fare prima il film Pamela – ha ironizzato -, ma avrebbe potuto vederlo prima o farmi una telefonata, visto che le ho anche salvato la vita una volta, quando ebbe una congestione in macchina”.

“Era il 1991 e stavamo andando a Rio Del Garda per la presentazione dei palinsesti Rai – ha rivelato -. Io sono pranoterapeuta e lei aveva dei fortissimi dolori allo stomaco così io le appoggiai una mano e Pamela si sentì subito meglio. La prossima volta non ti salverò, te la vedrai da sola”.

L’annuncio di un film in cui raccontare il caso Mark Caltagirone era stato fatto qualche settimana fa. A vestire i panni di Pamela Prati, Fabiana Latini, mentre il ruolo dell’imprenditore fantasma era stato affidato a Massimo Di Carlo. Ippoliti aveva assicurato la presenza nella storia anche di Barbara D’Urso, ma non aveva svelato nulla su Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo, le ormai celebri agenti della Aicos.

“Dopo mesi che si è parlato di questa storia, con la fine dei palinsesti invernali, gli italiani sono stati lasciati ‘scoperti’ e ‘in sospeso’ – ha svelato il regista – la tv va in vacanza e noi invece abbiamo fatto un corto, un fanta-thriller ispirato a Ionescu e quindi al teatro dell’assurdo”.

Prati Prati blocca il film su Mark Caltagirone: “Potrebbe danneg...