Asia Argento crolla. Troppo doloroso il ricordo del suo ex compagno

Un anno difficile per l’attrice e regista che prova a raccontarsi a Live Non è la D’Urso

Asia Argento ha avuto un anno al centro di una bufera mondiale: da grande accusatrice, a capo della campagna #MeToo contro il noto produttore Hollywoodiano, si è poi trasformata in ’”accusata” dopo le dichiarazioni da parte dell’attore Jimmy Bennet.

Per la prima volta, Asia, ha scelto di confrontarsi nel salotto della d’Urso, esponendo la sua opinione contro 5 opinionisti pronti a interrogarla e giudicarla.

I cinque opinionisti, da Serena Grandi a Alessandro Cecchi Paone, hanno subito attaccato l’attrice e regista con domande scomode su tutti i temi caldi dell’ultimo, difficile, anno.

Il primo giudizio negativo contro Asia è stato sul caso Weinstein perché lei ha continuato, anche dopo le molestie, a frequentare il produttore.

Asia si difende spiegando di aver avuto quello che si chiama “istinto rettiliano”: una specie di immobilizzazione del corpo durante gli eventi difficili, un “fingersi morti” come fanno alcuni animali in pericolo. Non tutti riescono ad avere il coraggio, infatti, di scappare da situazioni difficili come queste. La prima violenza subita da Asia è stata a 21 anni e per molto, moltissimo tempo non lo ha raccontato a nessuno, nemmeno alla sua terapista. Asia ha continuato a frequentare il produttore perché non riusciva ad accettare la situazione, tentando di normalizzarla e sottovalutarla; è stato il sapere che erano quasi 200 le donne che avevano subito la stessa violenza che le ha dato il coraggio di esporsi.

Questo anno è infatti stato per Asia davvero turbolento: partendo dallo screzio con Morgan che è stato accusato di non pagare gli alimenti alla figlia nata dal loro amore durato 7 anni. Questo ha portato al pignoramento della casa del cantante ma Asia si difende perché la messa all’asta della casa dell’ex compagno nulla è che una conseguenza burocratica e automatica ai suoi mancati pagamenti.

Asia ha gli occhi lucidi, stremata dai giudizi, che la vedono al centro di un polverone mediatico troppo potente. L’unico della platea di ospiti che la difende è Francesco Facchinetti che la descrive come una donna forte e fragile al tempo stesso.

Ultima accusa per Asia ma non per questo la meno importante, è sulla sua sua relazione-lampo con Fabrizio Corona. Alessandro Cecchi Paone la accusa su questa scelta, pessima per la sua immagine in una situazione per lei già così delicata. L’opinionista vede questa sua scelta come una trovata commerciale per tornare, ancora una volta, sulla copertina delle riviste più famose.

Asia racconta della storia con Corona con fredda semplicità: ha trovato 3 giorni di felicità con Fabrizio e questo le è bastato in un momento di grande instabilità. Afferma poi, che non crede proprio di essere in grado di poter amare ancora dopo la scomparsa del suo compagno Anthony Bourdain. Asia cerca di finire la frase ma scoppia in un pianto disperato.

Barbara d’Urso è stata costretta a bloccare il sentiment della trasmissione e di annullare in anticipo il servizio. I risultati parlano chiaro, il pubblico da casa supporta Asia Argento mentre Alessandro Cecchi Paone è stato l’opinionista con più giudizi negativi del pubblico.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Asia Argento crolla. Troppo doloroso il ricordo del suo ex compag...