Verissimo, Amoroso: “Ho imparato a guardare il dolore in modo diverso”

Alessandra Amoroso, ospite di "Verissimo", ha parlato della sua vita, raccontando il rapporto con la sua famiglia e l'aiuto dell'analisi

Una puntata ricca di emozioni quella di Verissimo, che ha visto tra i suoi ospiti una delle cantanti più amate del panorama nazionale: si tratta di Alessandra Amoroso. L’artista sta vivendo un momento d’oro, di rinascita e grandi soddisfazioni: è appena uscito il suo nuovo album, Tutto accade, e nel frattempo è circondata dall’amore della sua famiglia.

Alessandra Amoroso, il rapporto speciale con la nipote Andrea

Alessandra Amoroso ha voluto parlare del rapporto speciale che ha con la nipote Andrea: nel salotto di Silvia Toffanin la cantante non è riuscita a trattenere le lacrime, commuovendosi di fronte alle foto mostratele dalla conduttrice: “Non è facile per me parlare di lei”, ha detto Alessandra con la voce rotta, “Lei ha una forza incredibile. Nei suoi occhi vedo un amore incondizionato, puro, un amore viscerale per me”, ha raccontato.

Un legame che per la Amoroso va oltre il tempo e lo spazio, che la unisce a un’altra persona che ha avuto un ruolo fondamentale nella sua vita: “C’è filo che mi lega tuttora a mia nonna ed è come se l’avesse dato ad Andrea”. Nonna Maria oggi non c’è più, ma non per questo è sparita dalla vita dell’artista. Del resto, è stata più di una mamma per Alessandra, una donna straordinaria che le ha insegnato tutto: “Lei era, anzi è, in una maniera diversa, è un rapporto che tutt’ora vivo. Io tanto penso di averlo preso da lei. La cosa meravigliosa è che lei c’è sempre, c’è in ogni scelta: ho imparato a guardare il dolore in una maniera diversa, a essere felice anche parlando di quella mancanza”.

Alessandra Amoroso, l’analisi e la scoperta di sé stessa

Insieme alla Toffanin, la Amoroso ha anche raccontato di un percorso che l’ha portata a migliorarsi e a scoprire una felicità che prima le era sconosciuta. È stata la terapia ad aprire delle porte a lei sconosciute, che, seppure non prive di dolore, sono riuscite a regalarle nuove consapevolezze.

“Volevo dare un nome alle mie paure, dare una motivazione e ho voluto conoscere Alessandra: c’è stato un momento in cui non volevo più giudicarmi, criticarmi, e non volevo dare modo agli altri modo di farlo”, ha detto durante la sua chiacchierata con Silvia Toffanin. “Durante il lockdown sono rimasta sola con le mie più grandi paure, il buio e la solitudine, che sono diventate le mie coinquiline”, ha spiegato. Aprire i cassetti del passato è stato di certo doloroso e impegnativo, ma poter dare un nome a ciò che la faceva star male l’ha aiutata ad andare avanti e a gestire anche i momenti più difficili. “È difficile, ma puoi arrivare a godere di tutto e anche nella sofferenze riuscire a trovare quella scintilla che ti fa trovare la luce”.

Alessandra Amoroso, la vita sentimentale

Non poteva ovviamente mancare un accenno alla vita sentimentale di Alessandra: a Silvia Toffanin ha confessato infatti di essere tornata single: “L’amore a volte è strano, ma non vuol dire che è difficile o complicato, non vuol dire impossibile, anzi: io ho vissuto sempre nell’amore, nella luce, e non darò mai a nessuno modo di spegnerla. Non c’è nessuno nella mia vita, ma sono pronta all’amore: voglio un amore che mi faccia continuare a stare così come sto”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Verissimo, Amoroso: “Ho imparato a guardare il dolore in modo di...