Sanremo 2021, Amadeus: “Non c’è un piano B. O ci sarà il pubblico o sarà rinviato”

Il direttore artistico e conduttore del Festival parla della prossima edizione: dovrà essere nella totale normalità e io voglio essere positivo

Senza pubblico, Sanremo non ha senso. Senza pubblico, Sanremo potrebbe essere rimandato. Tutto questo perché, come per la gran parte degli eventi in programma dall’autunno in avanti, bisognerà fare i conti con l’evoluzione dell’emergenza Covid. Il Festival di Sanremo 2021 dovrebbe andare in scena dal 2 al 6 marzo ed in quel periodo potrebbe esserci la necessità di seguire ancora le regole del distanziamento sociale imposte dalla pandemia. Se così fosse, Amadeus è pronto a rinviare la manifestazione.

Lo ha detto lui stesso, con serenità, in una lunga intervista al Festival della tv e dei nuovi media di Dogliani. “Impensabile l’Ariston vuoto o con il pubblico distanziato. Sarebbe un problema con l’orchestra. E poi chi lo dice a Fiorello che non può sputarmi l’acqua sul collo?”.

I lavori per Sanremo 2021 sono già iniziati. Dopo l’enorme successo dell’edizione precedente, con big sul palco come Fiorello e Tiziano Ferro, colpi di scena (vedi Bugo e Morgan) e tante risate, Amadeus è pronto a fare il bis. “Il 17 dicembre svelerò su Rai1 tutto il cast del Festival, non solo i giovani, ma anche tutti i big – ha annunciato -. Tra cantanti in gara e ospiti ci sono 50 persone che ti vorranno bene tutta la vita, gli altri 400 e passa ti augureranno come minimo di dare una capocciata forte da qualche parte”.

“Non è presunzione – ha aggiunto Amadeus, che ha trascorso l’estate con la moglie Giovanna Civitillo e l’amico di sempre Fiorello -, ma il Festival è la cosa più importante per uno che fa il mio lavoro, è come la Nazionale per un calciatore. E io sento un grande senso di responsabilità, nel bene e nel male, per quello che accade. La responsabilità non può essere a metà, deve essere completa, è ovvio che devo scegliere anche i brani. L’anno scorso ne ho ascoltati 845, di cui 300 solo dei Big. Per quest’anno si prevede che arriveranno almeno 200 canzoni in più”. Racconta che ha seguito il consiglio prezioso di Pippo Baudo, che gli spiegò: “Tu le canzoni devi ascoltarle, cento, duecento volte: le devi fare tue, impararle a memoria. Così ho fatto. Aveva ragione. Le canzoni l’anno scorso le ho ascoltata sempre… giorno e notte – racconta Amadeus – A casa, in auto, tanto che al semaforo dovevo abbassare il volume altrimenti rischiavo che le sentissero”.

*** Contrariamente a quanto riportato nella versione originale dell’articolo, Amadeus non ha mai parlato di cancellazione dell’edizione 2021 del Festival di Sanremo ma sempre – eventualmente – di un rinvio causa Covid***

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sanremo 2021, Amadeus: “Non c’è un piano B. O ci sarà il...