Russell Crowe vende all’asta i cimeli dei suoi film per pagare le spese del divorzio

Il divorzio dalla moglie si è rivelato piuttosto costoso, così Russell Crowe ha deciso di organizzare un'asta per pagare le spese

Russell Crowe mette all’asta i cimeli dei suoi film per pagare le spese del divorzio. L’addio all’amata Danielle Spencer, sposata nel 2003, si è rivelato costosissimo, perfino per l’attore di Hollywood. Così il gladiatore più famoso del grande schermo ha deciso di ingegnarsi per trovare nuovi fondi.

Ha messo insieme tutti i suoi cimeli, raccolti nel corso di una lunga carriera cinematografica, e ha deciso di organizzare un’asta. L’evento, intitolato per l’occasione The Art of Divorce (L’Arte del Divorzio), si è tenuto a Sydney nella sede australiana di Sotheby’s.

Per l’occasione Russell Crowe ha messo all’asta ben 200 oggetti raccolti nella sua casa e indossati sui set cinematografici dei suoi film più famosi, fra questi Il Gladiatore e Cinderella Man. L’asta si è svolta il 7 aprile, in coincidenza con il 54esimo compleanno dell’attore e si è rivelata un vero e proprio successo.

Nel tentativo di raccogliere soldi per pagare la costosa separazione, Russell Crowe è riuscito a mettere da parte la cifra record di 3,731 milioni di dollari, vendendo 192 dei 227 cimeli presentati.

“Nel caso qualcuno fosse interessato – ha scritto il divo su Twitter – 3,7 milioni di dollari e trattative in corso per circa 350 mila dollari. Un mucchio di cose di casa mia che non volevo vendere, davvero. Non male come tariffa oraria per un turno di cinque ore – ha concluso, lanciando una frecciatina all’ex moglie -. Spero che tu ora possa essere felice e impegnata”.

Fra gli oggetti battuti all’asta c’è stato il sospensorio in pelle marrone indossato da Russell Crowe nella pellicola Cinderella Man, in cui ha interpretato un pugile. Il cimelio con una base d’asta di 600 dollari è stato ceduto alla bellezza di 7 mila.

Grande successo anche per gli oggetti provenienti dal set del Gladiatore, fra cui la replica di un carro romano, ceduta per 65 mila dollari e l’armatura indossata dall’attore nella scena finale del film del film di Ridley Scott, acquistata per 125 mila dollari. “L’asta si è rilevata un grande successo inaspettato” ha spiegato Crowe, intervistato da Channel Seven Sunday.

Fra gli articoli venduti troviamo anche moto e auto d’epoca, una collezione di chitarre, orologi, gioielli e quadri d’autore che nel corso del matrimonio Russell Crowe aveva regalato alla moglie.

“Lui è un avido collezionista, ha stanze piene zeppe di cimeli – ha spiegato Gary Singer, amministratore delegato di Sotheby’s Australia -. Ne ha talmente tanti che chiunque ne avrebbe potuti portarne via duecento senza che lui neppure se ne accorgesse”.

Russell Crowe vende all’asta i cimeli dei suoi film per pagare l...