Rula Jebreal racconta il dolore del suo passato

Rula Jebreal racconta il dramma del suo passato, legato al suicidio della madre

Rula Jebreal, giornalista e protagonista di Sanremo 2020, racconta il dolore del suo passato, legato al suicidio della madre. La scrittrice, all’Ariston con un monologo contro la violenza sulle donne, da anni è in prima fila per combattere una battaglia lunga e difficile.

“È una battaglia che va combattuta anche dagli uomini – ha sottolineato a Vanity Fair -. Per me è imprescindibile, non combatterla vorrebbe dire che non è cambiato niente da quando mia mamma si è suicidata. E lo devo a mia figlia”. Alle spalle Rula ha una vita difficile, segnata dalla morte della madre che ha scelto di farla finita per colpa delle violenze subite in passato.

“Mia mamma si è tolta la vita dopo un’infanzia di violenze tra i 13 e i 18 anni – ha spiegato -, nessuno le aveva creduto per salvare ‘l’onore’ della famiglia”. A cambiare l’esistenza la nascita della figlia, arrivata quando aveva 23 anni. “Quando ho avuto mia figlia ho iniziato davvero a vivere – ha svelato -, lei è la mia coscienza morale ancora più sviluppata, fuori dal mio corpo”.

Rula Jebreal ha poi commentato la scelta di Amadeus di portare sul palco delle donne con il ruolo di co-conduttrici. “Lo ammiro perché ha fatto la scelta coraggiosa di chiamare dieci donne a condurre con lui – ha rivelato -, e mi auguro che per le prossime edizioni ci siano direttrici artistiche”. Poi la giornalista ha parlato di Harvey Weinstein, il produttore coinvolto nello scandalo delle molestie a Hollywood.

“Una volta l’ho visto maltrattare una sua assistente – ha ricordato -, le urlava addosso e lei è scappata via piangendo. Gli ho detto: sei molto fortunato, io ti avrei malmenato, tu saresti finito all’ospedale e io in carcere. Ho provato un disprezzo totale”.

La 46enne italo-israeliana ha poi affermato: “Gli amministratori delegati delle cento società più importanti del mondo sono tutti uomini: nessuno si chiede se abbiano avuto successo perché sono belli. Sa che cosa mi ha aiutato? Il duro lavoro, raccontare la verità”

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rula Jebreal racconta il dolore del suo passato