Pamela Prati, parla l’avvocato a Storie Italiane. E lei torna su Instagram

L'avvocato di Pamela Prati rivela a Eleonora Daniele la strategia difensiva: "Faremo un esposto. Il reato potrebbe essere circonvenzione di incapace"

Irene della Rocca, avvocato di Pamela Prati, è stata ospite di Eleonora Daniele a Storie Italiane.

Il legale parla per la prima volta in televisione e chiarisce che la situazione è andata oltre il semplice gossip, mettendo in chiaro che la Prati è vittima di quanto accaduto:

La situazione si è evoluta. Non è più gossip, ma adesso si profilano eventi e vicende che saranno oggetto di indagini della magistratura. La faccenda è finita in procura.

L’avvocato precisa come intende procedere in difesa della sua cliente:

Pamela è vittima. Non faremo una denuncia, ma un esposto. Il reato potrebbe essere circonvenzione di incapace almeno in quel momento.

Eleonora Daniele, che ha già trattato del caso, sottolinea come il comportamento della Prati abbia diviso l’opinione pubblica: per alcuni è vittima innocente, per altri ideatrice insieme alle sue ex manager, Pamela Perricciolo ed Eliana Michelazzo, del finto matrimonio, del fidanzato fantasma Marco Caltagirone e perfino dei due bambini in affido.

In studio vengono sollevati diversi dubbi sulla innocenza della Prati, alcune cose paiono non coincidere. Ad esempio vengono chiesti chiarimenti sulla foto del presunto Caltagirone, che poi si è scoperto trattarsi di Marco Di Carlo, mostrata a Verissimo a Silvia Toffanin. Di Carlo in una successiva intervista ha dichiarato che tra lui e la showgirl ci fu un minimo di contatto lavorativo nel 1998. In studio viene dunque chiesto il motivo per cui la Prati non abbia smentito la veridicità della foto. Spiega il legale: “Dovreste chiederglielo a lei, quella foto è stata data al fotografo da Pamela Perricciolo”.

L’avvocato Della Rocca prende le difese della Prati:

Altre persone del mondo dello spettacolo si sono trovate vittima della stessa macchinazione, Sara Varone, Alfonso Signorini, Manuela Arcuri. Fatti che risalgono anche a dieci anni fa quando la mia assistita non conosceva né Michelazzo né Perricciolo.

L’avvocato dunque spiega come intende procedere:

Stiamo valutando un esposto e non una denuncia perché è oggettivamente molto complesso individuare i reati e a danno di chi siano stati commessi. Stiamo valutando la possibilità di fare esposto in Procura chiedendo alla magistratura di verificare se siano stati commessi reati o no e nel caso procedere.

E prosegue:

Il reato principale riguarderà circonvenzione di incapace, almeno in quel momento. Ripeto che se la signora Prati avesse avuto delle responsabilità le avrebbe avute anche nelle storie precedenti, quella raccontate da Arcuri e Signorini, peccato che non conoscesse le due agenti all’epoca. Non credo a una collusione di Pamela Prati perché ha 40 anni di carriera alle spalle.

Intanto, dopo l’intervista a Verissimo, Pamela Prati è tornata anche su Instagram. Da quando infatti Eliana Michelazzo ha confessato il bluff, la showgirl si era chiusa nel più stretto riserbo sui social. Ora invece nelle Stories ha pubblicato una serie di messaggi di persone comuni che le esprimono solidarietà e credono alla sua innocenza.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pamela Prati, parla l’avvocato a Storie Italiane. E lei torna su...