Melania di Via Col Vento ha 103 anni ed è ancora splendida

Olivia de Havilland interpretava Melania in Via Col Vento: oggi ha 103 anni ed è ancora incredibilmente bella

Una leggenda del cinema, ancora splendida a 103 anni, come quando sul grande schermo interpretava Melania di Via Col Vento.

Ne sono trascorsi di anni dal 1939, data in cui Olivia de Havilland vestì i panni dell’indimenticabile Melania Hamilton, cugina di Rossella O’Hara e sposa di Ashley Wilkes, l’uomo di cui era perdutamente innamorata.

Elegante e mai sopra le righe, sempre sorridente, nonostante i grandi dolori che le ha riservato la vita, Olivia de Havilland è una delle grandi signore del cinema internazionale. Di recente ha spento 103 candeline e non ha nessuna intenzione di fermarsi tanto che è stata immortalata dai tabloid mentre girava per strada in bicicletta, perfettamente a suo agio e sorridente.

Se in Via col Vento, Melania Hamilton, il suo personaggio, era il primo a morire tragicamente, nella realtà le cose sono andate molto diversamente. Olivia infatti è l’ultima sopravvissuta del cast del film.

L’indimenticabile Reth Buttler, interpretato da Clark Gable, si è spento nel 1960, mentre Hattie McDaniel, la famosa Mammy, è venuta a mancare nel 1952. Anche Vivien Leigh, che prestava il volto all’indomabile e coraggiosa Rossella O’Hara, è morta a causa della tubercolosi nel lontano 1967.

Testarda e bellissima, proprio come i personaggi interpretati sul grande schermo, Olivia de Havilland ha alle spalle 80 anni di carriera e ben due Oscar. Oggi fa parte dell’Academy, ha una stella sulla Walk of Fame e si è lasciata alle spalle la profonda rivalità con la sorella Joan Fontaine, protagonista de Il sospetto di Alfred Hitchcock. Nel 1942 lei le soffiò un Oscar e da allora non l’ha mai perdonata.

Sono trascorsi 80 anni da quando Olivia mise piede per la prima volta sul set di Via Col Vento, scoprendo una Vivien Leigh, elegante e delicata, e un Clark Gable, affascinante e profondamente legato alla sua leggenda di macho.

Fu proprio lei a convincerlo a piangere nella scena in cui scopre che Rossella ha perso il bambino e viene consolato da Melania. “Gable era una star immensa all’epoca, lo chiamavamo The King – aveva ricordato lei qualche tempo fa in un’intervista a Vanity Fair -. L’idea di piangere in scena non gli piaceva: un uomo in lacrime, allora, era inconcepibile”.

“E lui era un simbolo di virilità – aveva aggiunto -, pensava che il suo pubblico non avrebbe accettato. Inoltre, piangere in scena non è facile e, secondo me, non era sicuro di saperlo fare. Ma Fleming insisteva. Così, durante l’ultima prova, mi inginocchiai vicino alla sedia di Clark e, a bassa voce, gli dissi: “Ce la puoi fare, so che puoi farcela e sarà straordinario”. E così fu”.

Olivia de Havilland

Olivia de Havilland

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Melania di Via Col Vento ha 103 anni ed è ancora splendida