Marina Ripa Di Meana, il figlio adottivo attacca Lucrezia Lante Della Rovere

Il figlio adottivo di Marina Ripa di Meana attacca Lucrezia Lante della Rovere

Andrea, figlio adottivo di Marina Ripa di Meana, attacca Lucrezia Lante della Rovere.

In una lunga intervista all’Adnkronos il 56enne, che per 30 anni è stato accanto alla grande stilista e scrittrice, ha criticato il comportamento dell’attrice che, a suo dire, non avrebbe rispettato le ultime volontà della madre. Tutto sarebbe iniziato qualche giorno fa quando Lucrezia, ospite de La Vita in Diretta, aveva affermato di non aver ancora disperso le ceneri della madre, come aveva chiesto lei nel testamento, per “perché me la voglio ancora tenere stretta a me”.

“Sono caduto dalle nuvole” ha svelato Andrea, spiegando che Lucrezia Lante della Rovere non si sarebbe fatta “troppo vedere dalla mamma malata”. L’uomo è il figlio adottivo di Carlo e Marina e ha vissuto insieme alla stilista sino all’ultimo istante della sua vita. “Appena Marina aveva bisogno di me correvo subito al suo capezzale – ha raccontato -. Se si sentiva poco bene dormivo lì, alle tre di notte mi svegliavo e correvo per andare a vedere come stava”.

“Marina aveva lasciato un testamento – ha rivelato il figlio adottivo – dove diceva che non voleva una funzione religiosa perché era atea, voleva essere cremata e voleva che le sue ceneri fossero sparse nel mediterraneo, nei pressi del Monte Argentario dove c’è la tomba dei genitori e della sorella che morì anche lei di cancro. Quello che vorrei dire a Lucrezia – ha aggiunto – è che spero faccia quello che ha chiesto Marina al più presto, niente di più. Sto scrivendo un libro sui miei 30 anni accanto alla famiglia Ripa di Meana lì dirò tutto, la verità nuda e cruda”.

Andrea ha poi parlato delle ceneri di Marina e delle sue ultime volontà: “Gliele portai io a Lucrezia perché lei è l’unica erede – ha ricordato -, io sono stato adottato da Carlo, lei le tiene in un angolo della cucina. Lucrezia mi telefonò a primavera mentre stava girando la seconda serie de La strada di casa e mi disse: ‘Tanto a giugno finisco le riprese, poi troviamo un giorno in cui siamo liberi e andiamo a fare questa cosa e io le risposi che non c’erano problemi e di farmi sapere. Da allora non ne abbiamo mai più parlato fino a quando ho saputo quello che aveva detto a La vita in diretta”.

Il figlio adottivo della Ripa di Meana si è poi lasciato andare a una riflessione su Lucrezia Lante della Rovere. “Marina voleva un bene dell’anima alla figlia – ha detto -. Lucrezia è una bella donna, una brava attrice ma non ha niente di sua madre. Marina era una donna del popolo mentre Lucrezia ha preso dal ramo del padre, quello dei Lante della Rovere: è più impostata, più nobile. Marina si definiva una ‘pesciara’ e forse lo sono anche io però Lucrezia no”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Marina Ripa Di Meana, il figlio adottivo attacca Lucrezia Lante Della&...