De Filippi, la confessione sul futuro in tv (e una curiosità)

Durante la pausa estiva, Maria De Filippi parla a cuore aperto di sé, del suo passato televisivo e della sua carriera futura

Maria De Filippi è una delle certezze della nostra televisione. In questi giorni, mentre si gode le meritate vacanze estive, la conduttrice si è raccontata a cuore aperto in un’intervista al settimanale Oggi.

Tutto parte dalla sua carriera televisiva, costruita nel corso degli anni senza mai montarsi la testa, rimanendo con i piedi a terra e guardando all’obiettivo di proporre al pubblico programmi di qualità. Il segreto di questo successo che dura nel tempo?

Ho Maurizio Costanzo a tenermi con i piedi per terra. Perché è rimasto con i piedi per terra lui per primo. Mi ha insegnato tutto, mi ha insegnato a lavorare e a capire cos’è il lavoro. E soprattutto a capire che nulla è definitivo. Abbiamo approcci e curiosità diverse. Maurizio è molto più sfaccettato di me, io sono una che sa far bene solo alcune cose. Lo so e faccio quelle! La mia è la tv della gente normale. Mi risulta più facile rivolgermi a quel tipo di pubblico. Se ci penso, da quando ho iniziato ho fatto sempre e solo questo.

Poi, in un modo del tutto insolito ed inaspettato, la conduttrice mostra la parte di sé più debole e fragile. E ne viene fuori il ritratto di una Maria De Filippi che, al suo esordio televisivo, ha temuto l’ingresso in studio nella prima puntata di Amici: insicura, impaurita e persino senza salivazione. “Da lì partì la mia dipendenza dalle caramelle”, ha dichiarato. All’improvviso, però, questa paura sembra essere scomparsa e aver lasciato posto al timore di non avere più successo e di non piacere più al pubblico, oltre all’angoscia che un giorno tutto questo dovrà finire.

Ma non è solo Maurizio Costanzo l’uomo che si nasconde dietro al successo delle celebre conduttrice Mediaset. Pier Silvio Berlusconi sembra essere un elemento più che importante nella carriera della De Filippi:

Ho un rapporto bello e molto vero con Pier Silvio. lo non gli ho mai detto balle, il nostro rapporto è cresciuto piano piano, lui è riservatissimo, lontano da quello che potrebbe essere. Estremamente schivo e assai garbato: una persona molto riflessiva. Pier Silvio ha iniziato a muoversi all’interno dell’azienda nello stesso periodo in cui io stessa ho mosso i primi passi. Ci siamo ritrovati a crescere insieme, lui con un ruolo, io con un altro.

Insomma, è innegabile che il successo di Maria sia anche legato alla grande competenza professionale della squadra con cui collabora. Questo non significa che la carriera della conduttrice non sia costellata anche di insuccessi, che lei stessa ammette di vivere con grande tranquillità:

Io non sopporto di esser considerata come la Juventus nel calcio, sempre assolutamente vincente: rivendico il sacrosanto diritto di sbagliare. L’ho fatto e mi è pure servito: Missione impossibile fu un flop. Ribadisco che voglio poter perdere perché non ne faccio un dramma, lo vivo con serenità.

E se il passato le ha insegnato come fare televisione, è certo che la De Filippi ne farà tesoro anche nel suo futuro. Ci sarà quindi da aspettarsi un palinsesto televisivo molto simile a quello dell’anno passato, perché questa è la televisione che piace alla Maria nazionale: “Ho capito che devo essere me stessa in tv perché la televisione è una lente di ingrandimento. Quello che sei, salta fuori: io ho scelto di essere me stessa”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

De Filippi, la confessione sul futuro in tv (e una curiosità)