Mara Venier vince su Barbara D’Urso, perché non poteva che trionfare

Mara Venier trionfa con Domenica In su Barbara D'Urso: ecco come ha fatto (secondo noi) a stracciare Domenica Live

Mara Venier non ha tradito le aspettative, la sua Domenica In è stata un successo stratosferico e ha stracciato Domenica Live di Barbara D’Urso.

Persino Barbarella l’aveva predetto che la rivale l’avrebbe battuta quando con una frase piuttosto velenosa aveva premesso che Mara era oggettivamente avvantaggiata, a cominciare dal fatto che la sua trasmissione inizia subito dopo il Tg. Ma al di là di questi tecnicismi, ecco perché secondo noi quello della Venier era un trionfo annunciato.

1 – Mara si è presa la sua rivincita
Il ritorno della Venier in Rai alla conduzione di Domenica In segna la rivincita della conduttrice su un’azienda che l’ha gettata via “come una scarpa vecchia“, come lei stessa precisò in un’intervista del 2016 al Corriere della Sera. Nel 2014 a Mara vengono tolte infatti sia La vita in diretta che Domenica In “senza nemmeno una convocazione, senza dirmi nulla, senza un ringraziamento”. Una scelta non felice della Rai, specialmente per Domenica In che non raggiungerà più i risultati ottenuti dalla presentatrice silurata che ora finalmente ha potuto dimostrare che lei sa fare la differenza.

2 – Mara è la ventata d’aria fresca dopo il flop delle Parodi
Domenica In ha vissuto una stagione disastrosa lo scorso anno sotto la conduzione delle sorelle Parodi. La Venier certo non poteva fare peggio e ogni novità rappresenta una ventata d’aria fresca che il pubblico affezionato alla storica trasmissione aspettava da tempo. Benedetta Parodi ha commentato così la sua esperienza a Domenica In a Radio Deejay: “È stato bello solo uscirne. Ho lavorato male”. Invece la presentatrice veneziana sa come affrontare programmi di questo tipo senza annoiare e come catturare l’attenzione senza scadere nel trash.

3- Mara è una donna autentica
La Venier piace e piace soprattutto perché è una donna autentica e genuina a differenza della rivale Barbara D’Urso. Sul suo profilo Instagram, questa è la caratteristica più amata dai fan che commentano: “era ora un po’ di “normalità”! Una vera signora in tv!” E ancora: “solo lei puo’ annientare la Durso e sarebbe anche ora ….odiosa e falsa”. A 67 anni Mara non indossa minigonne o gli abiti di 15 anni fa come Barbarella (anche se le stanno benissimo). Se si mette a dieta, lo fa per questioni salutistiche, non per mostrare le gambe. Stando poi alle rivelazioni di Alberto Dandolo, Mara ha pianto per i risultati ottenuti con la prima puntata di Domenica In. E a proposito di donna vera, il giornalista ha raccontato che quando l’ha chiamata per commentare la trasmissione lei gli ha risposto: “Albe’, te richiamo tra 10 minuti che sto finendo di prepara’ la cena pe’ Nicola [Nicola Carraro, marito di Mara Venier dal 2006 ndr.]”.

4- Mara sa scegliere bene i suoi ospiti
Nella prima puntata di Domenica In la Venier ha ospitato Romina Power, mentre la D’Urso ha esordito a Domenica Live con Loredana Lecciso, la donna più odiata dal mondo della musica dopo Yoko Ono. Indovinate chi ha preferito il pubblico? Ma naturalmente Romina, nonostante la pseudo-fiction con Al Bano e Lecciso mandata in onda da Barbarella. Durante l’intervista alla Power lo share della Rai è aumentato del 19%. Non solo, la presenza di Romina le ha permesso di aggiudicarsi anche il cantante di Cellino San Marco che sarà a Domenica In il 30 settembre.

5 – Mara su Instagram è un’influencer
Anche se Barbara D’Urso ha 1,6 milioni di follower mentre la Venier ne conta solo 1,2, Mara per tutta l’estate ha creato una grande aspettativa nel pubblico conquistando tutti coi suoi video esilaranti, diventati subito virali. Forse non saranno originali, forse la presentatrice avrà preso ispirazione dalla rivale, ma è irresistibile mentre lava i vetri sul davanzale o quando in barca è terrorizzata dal mare grosso.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mara Venier vince su Barbara D’Urso, perché non poteva che&nbsp...