Luisa Ranieri, moglie di Luca Zingaretti: “Non sono una mangiauomini per questo piaccio”

Luisa Ranieri ha svelato la sua posizione riguardo il movimento MeToo, parlando della sua esperienza e spiegando perché piace tanto anche alle donne

Altro che mangiauomini, Luisa Ranieri è molto lontano dall’immagine della donna sensuale stesa sul letto che pronunciava la frase “Antò fa caldo” in un famoso spot. La bellezza dell’attrice napoletana all’epoca conquistò l’Italia e poco dopo, nel 2001, Luisa Ranieri esordì al cinema con “Il principe e il pirata” di Leonardo Pieraccioni.

“Guardandomi, uno può pensare allo stereotipo dell’attrice napoletana avvenente, ma mi sento più semplice, più timida – ha raccontato in un’intervista al Corriere della Sera, parlando anche del suo successo fra le donne -. Sentono che non sono una mangiauomini. Mi fa piacere perché non conosco invidia e competizione al femminile. Sui set, le colleghe più giovani mi dicono sempre: non mi è mai successo che un’altra attrice mi suggerisse di farmi sistemare meglio”.

Lo scorso primo febbraio Luisa Ranieri è stata fra le firmatarie del documento Dissenso Comune insieme ad altre 123 colleghe con lo scopo di denunciare gli abusi di potere subiti dalle donne. Un gesto arrivato in seguito allo scandalo Weinstein e alla nascita del movimento #MeToo. “Quando le cose diventano una moda, si ha il risultato opposto – ha spiegato chiarendo la sua posizione -. La gente dice: vabbè, ti ha molestata, succede a tutte” .

Nonostante ciò la moglie di Luca Zingaretti ha spiegato di non tollerare gli abusi: “Sono la prima a dire che la violenza sulle donne va condannata – ha chiarito -, ma bisognerebbe ponderare a chi dare la parola: ho visto parlare in pubblico colleghe che, mentre io stavo in fila ai provini, stavano a cena con i produttori».

“Certe dicono “faccio prima così”, e se non si sentono molestate va bene, non giudico – ha aggiunto -. Ognuno sceglie di essere quello che è. Io avevo bisogno di dimostrare altre cose”. Sono passati vent’anni dal suo esordio e Luisa Ranieri, che oggi ha 44 anni ed è mamma di due bambine, ha subito avances da uomini potenti: “Ho avuto avances garbate risolte con una risata – ha confessato -. Non puoi togliere alle persone il diritto di provarci”.

“Spero che serva a non far sentire sola chi ha la necessità di denunciare – ha concluso l’attrice parlando del movimento MeToo -. Se non si passa all’azione, l’ondata di ritorno sarà che tutto è lecito e cambierà solo che le ragazze ingenue staranno più attente”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Luisa Ranieri, moglie di Luca Zingaretti: “Non sono una mangiauo...