Kledi si mobilita per aiutare le vittime del terremoto in Albania

Kledi Kadiu scende in campo dopo il terremoto in Albania per aiutare la popolazione

Kledi Kadiu, celebre ballerino di Amici, si mobilita per aiutare le vittime del terremoto in Albania. L’artista 45enne vive ormai da anni in Italia, dove ha raggiunto il successo grazie a Maria De Filippi, ma continua ad avere un fortissimo legame con la sua terra d’origine.

Il ballerino originario di Tirana infatti è rimasto sconvolto dopo aver appreso che l’Albania era stata messa in ginocchio da una fortissima scossa di terremoto. Il sisma ha colpito il paese alle 2.54 nella notte fra il 25 e il 26 novembre con un epicentro nei territori a nord di Durazzo. Le scosse hanno causato 13 morti e oltre 600 feriti, ma soprattutto una grande paura nella popolazione.

Fra i primi a mobilitarsi per aiutare l’Albania, Kledi Kadiu, che proprio in questi giorni sarebbe dovuto volare a Tirana per uno stage di danza. “Dovevo partire per Tirana per tenere uno stage di danza – ha raccontato all’Adnkronos -. Ho dovuto annullare tutto all’ultimo momento. Ma ho solo rimandato l’appuntamento”.

L’ex ballerino di Amici ha spiegato che presto raggiungerà il suo paese d’origine e che porterà un aiuto concreto alla popolazione colpita dal terremoto. “Quando sarà, spero prestissimo – ha annunciato -, il ricavato delle mie lezioni sarà interamente devoluto al mio Paese”.

Il terremoto di magnitudo 6.5 è stato avvertito anche in Puglia, in Basilicata e in Campania. Kledi ha spiegato di aver sentito le scosse e di essersi preoccupato molto. “Da alcuni anni vivo con la mia famiglia a Rimini – ha spiegato -. Ho sentito il terremoto anche a casa mia. Mi sono svegliato di soprassalto e ho chiamato immediatamente i miei genitori che vivono a Tirana. La città dista solo 30 chilometri da Durazzo”.

“Stanno bene, ma la paura è stata enorme – ha confessato -. Molte persone, da ore, vivono per strada per timore di nuove scosse. I miei genitori mi hanno confermato che Durazzo è stata duramente colpita. Distrutta per quasi la metà. E’ una situazione spaventosa. Quello che è accaduto sembra quasi un fenomeno contro natura. Si tratta di fenomeni non previsti e per questo non governabili”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Kledi si mobilita per aiutare le vittime del terremoto in Albania