Kasia Smutniak ricorda Taricone e il loro sogno (che deve ancora realizzare)

Kasia Smutniak ricorda Pietro Taricone e quel sogno (speciale) che deve ancora realizzare

Kasia Smutniak ricorda Taricone e il loro sogno che sta ancora cercando di realizzare.

L’attrice e modella polacca ha compiuto da poco 40 anni ed è pronta a portare avanti un progetto importante nel nome del compagno morto in un terribile incidente. Era il 2010 quando l’ex concorrente del Grande Fratello morì dopo un lancio con il paracadute. Da allora sono trascorsi quasi dieci anni, ma Kasia non ha mai dimenticato il loro grande amore.

Proprio nel nome di Pietro, la Smutniak ha creato un’associazione per realizzare il loro grande sogno, quello di costruire una scuola in Nepal. “Quasi 20 anni fa io ci sono andata là con Pietro per fare un trekking e ci siamo persi – ha raccontato a Freeda -, abbiamo perso la cognizione del tempo e ci siamo rimasti per quasi un mese”.

“Sulla strada di ritorno, quando stavamo tornando dal Mustang – ha confessato -, parlavamo tantissimo del fatto di voler fare qualcosa per quelle persone. Per 2 anni ho girato cercando un progetto e così ho conosciuto meglio il Mustang e ho pensato che in un posto dove non c’è veramente niente, neanche gli ospedali, bisogna cominciare da una scuola perché solo imparando puoi in qualche modo crescere”.

Oggi quella scuola c’è e ospita quasi sessanta bambini, ma per Kasia quel sogno non si è ancora realizzato del tutto. “Normalmente faccio delle liste quando arrivano le date con lo zero come ad esempio 20, 30 e 40 – ha spiegato -. Ci sono le cose che ho fatto e quelle da fare e naturalmente ne aggiungo anche delle nuove perché la scuola, per esempio, quando avevo 30 anni non c’era sulla lista. Per quest’anno sulla lista ancora c’è e il sogno è che possa andare avanti”.

Coraggiosa e bellissima, Kasia è mamma di Sophie, avuta da Taricone, e di Leone, nato dall’amore per Domenico Procacci, per il suo compleanno sogna solamente un regalo: “Per i 40 anni ho deciso di farmi un unico regalo, di esaudire il mio grande desiderio che la scuola possa andare avanti e così abbiamo iniziato una raccolta fondi circa un mese fa. Io veramente non ho bisogno di nulla, non c’è regalo più grande che potrei chiedere. E il regalo più grande è l’aiuto economico con la mia scuola”.

Kasia Smutniak ricorda Taricone e il loro sogno (che deve ancora ...