Heather Parisi: “L’inferno dei nostri bambini, diventeranno alienati sociali”

Nuovo sfogo di Heather Parisi, sui social, sulla situazione “infernale” che stanno vivendo i nostri bambini: "Un girone dantesco fatto di distanze, paure, asocialità e privazione del contatto umano”

Nuovo sfogo di Heather Parisi affidato ai social. La showgirl, che ormai vive da anni a Hong Kong e aggiorna quotidianamente i follower sulla situazione e gestione della pandemia anche dall’altra parte del mondo, esprime in un post pubblicato su Instagram le proprie paure verso le generazioni più giovani, adolescenti e bambini, che stanno subendo passivamente (e con una resilienza ammirevole) le restrizioni vigenti.

“Un girone dantesco fatto di distanze, paure, asocialità e privazione del contatto umano. Un mondo di bambini senza altri bambini. Questo contribuirà a far crescere generazioni di alienati sociali“.

Per Elizabeth e Dylan abbiamo scelto noi #Homeschooling

Una scelta condivisa con loro, resa possibile dal tipo di vita che facciamo e di cui siamo tutti felici.

Ma, senza feste di compleanno, Playdate, lezioni di Musica o una semplice partita di Tennis o partite di Calcio in vista, senza la possibilità di fare vita sociale con i loro coetanei, i nostri figli sono in uno stato in cui non capiscono cosa sta realmente accadendo al loro futuro.

Ed è la condizione in cui si trovano anche tutti i bambini che erano abituati ad andare a scuola.

Pochi giorni fa, siamo stati in un playdate. I bimbi hanno dovuto un po’ adattarsi e un po’ sfidare le regole di distanza sociale. Ogni bambino subisce (perché è un’imposizione che non potrà mai essere spiegata) in modo totalmente diverso.

Mentre corrono e giocano, alcuni indossano le loro maschere NON STOP, altri la abbassano solo per comunicare, altri ancora, come Elizabeth e Dylan, la consegnano immediatamente alla mamma con un perentorio: “Per il momento, mentre corro in giro”.

Alcuni bambini sembrano essere più a loro agio nel “Break the Rule”, incoscienti e sereni, mentre altri “Gente!!”. I più spaventati insistono che la madre si rimetta la maschera, altrimenti “Morirai, mamma”. 😳

Chi governa non se ne cura, ma ha relegato queste generazioni di bambini e adolescenti in un infernale girone dantesco fatto di distanze, paure, asocialità e privazione del contatto umano.

Un mondo di bambini senza altri bambini.

Mi sento fortunata di avere un rapporto talmente stretto con i miei figli da essere, assieme a Umberto, il loro BRAIN FEED.

Ma ci sono segnali e messaggi, diretti e subliminali, diffusi dai media in continuazione, che non possiamo controllare. Insistere sul fatto che interagire con gli altri è un “no no”, equivale a dire che il prossimo (adulto o bambino) rappresenta un pericolo.

E questo è straziante e deplorevole e contribuirà a far crescere generazioni di alienati sociali.

Senza dimenticare che gli adulti sono oggi diventati persone depresse, ostili e arrabbiate. Quale esempio possono rappresentare per i nostri figli?

Se ne parla troppo poco. H*

 

 

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Heather Parisi: “L’inferno dei nostri bambini, diventeranno aliena...