Concerto Primo Maggio, Ambra Angiolini parla di Zucchero e ringrazia Boncompagni

Ambra Angiolini commenta la battuta di Zucchero al concerto del Primo Maggio e ricorda Boncompagni.

Ambra Angiolini racconta il suo concerto del Primo Maggio fra le battute di Zucchero, le lacrime in una piazza San Giovanni deserta e il ricordo di Gianni Boncompagni. Una prova difficile quella affrontata dall’attrice che però è stata superata a pieni voti. Ambra si è dimostrata all’altezza delle aspettative, conducendo con grande maestria il Concertone, fra momenti divertenti, ma anche toccanti.

“Ho lasciato andare l’emotività, facendomi forza di questo – ha confessato al Corriere della Sera, poco dopo il concerto del Primo Maggio -. Di solito cerco di tenerla a bada ma poi ne esce un comportamento che non mi piace. L’altra sera ho iniziato a piangere appena scesa dal taxi in piazza San Giovanni: mi si erano appannate le lenti e non leggevo più. Ma questi disagi hanno tolto le barriere che mi fanno apparire come non amo. Mi sono liberata, è stato un debutto. Ne è nata una nuova Ambra, da cui ora voglio ripartire”.

Ambra ha ammesso di essersi sentita in qualche modo guidata da Gianni Boncompagni, genio televisivo che la scoprì quando era solo un’adolescente e che la rese la star di Non è la Rai. “È stato pazzesco rendermi conto di come mi sia sentita guidata da un signore che non c’è più, ma che mi ha insegnato a farmi forza delle difficoltà: tutte le sue lezioni sono tornate a galla – ha rivelato la Angiolini -. Grazie a Boncompagni, che citavo di continuo, le difficoltà non mi hanno spaventata. E abbiamo cercato di far brillare quello studiolo con tre operatori, lì anche perché possano tornare presto al lavoro gli altri. A 15 anni non ho scelto niente – ha concluso l’ex compagna di Francesco Renga -, ma qui ho condiviso ogni cosa e abbiamo lasciato i capricci a prima della quarantena. Chiusi in uno sgabuzzino che non vorrei riaprire più, visto che, mi rendo conto, mi hanno fatto perdere tanto tempo in cui potevo, semplicemente, lavorare”.

Infine Ambra ha commentato la battuta di Zucchero che l’ha fatta ridere ed è diventata virale. “Posso infilarmi in argomenti politici delicati, ma dei cantanti sono troppo fan e davanti a loro torno la ragazzotta che balla ai loro concerti – ha confessato -. Con Zucchero avevo il terrore di fare una figuraccia, ero in imbarazzo e mi tremava la voce. La sua risata ha sciolto tutto”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Concerto Primo Maggio, Ambra Angiolini parla di Zucchero e ringrazia B...