Brad e il regalo sexy ad Angelina, lei: “Non vedo l’ora di sposarlo”

Angelina Jolie ha compiuto 38 anni il 3 giugno e Brad le ha regalato ligerie di Agent Provocateur per il valore di 3.000 sterline. Una fonte vicina ai due, ha raccontato al Sun che da quando Angelina si è operata, lei e Brad si son comportati come fidanzatini adolescenti. Non riescono a staccarsi l’uno dall’altra e si tengono sempre per mano. Hanno fatto una cenetta romantica a Parigi per il compleanno di lei. Inoltre Brad, le ha anche fatto disegnare un intero nuovo guardaroba di abiti dalla stilista Hedi Slimane di Saint Laurent a Parigi.
Angelina si è talmente emozionata per il regalo che si è messa a piangere e ha dichiarato "Non vedo l’ora di sposarlo quest’etate.

Dopo il supporto costante che Brad ha dato ad Angelina nella scelta di effettuare una doppia mastectomia preventiva per il tuomre al seno, adesso è la volta della Jolie di supportare il suo uomo. E lo fa nella sua prima apparizione pubblica dopo  aver annunciato la doppia mastectomia, a Londra, per la prima del film in cui lui è protagonistaWorld War Z. I due appaiono in piena forma, affiatati come sempre, sorridentei e rilassati. Per Brad è un momento d’oro, il film sembra preannunciare grandi successi. E se lo merita, dopo il periodo difficile che i dua hanno vissuto per la difficile scelta che hanno dovuto fare. "Ho la fortuna di avere un partner, Brad Pitt, che è così amorevole e solidale" ha dichiarato Angelina quando ha rivelato la difficile scelta "Brad era al Pink Lotus Breast Center, dove sono stata operata, per tutto il tempo di durata degli interventi chirurgici. Siamo riusciti a trovare momenti per ridere insieme. Sapevamo che questa era la cosa giusta da fare per la nostra famiglia e che ci avrebbe avvicinato". E a giudicare dall’affiatamento della coppia nelle foto di Londra, così è stato.

Non deve essere una scelta facile, quella di farsi asportare entrambi i seni, ma la Jolie sostiene: "Sento di aver fatto una scelta giusta e coraggiosa che non diminuisce la mia femminilità".  E aggiunge: "Il tumore al seno uccide circa 458.000 donne all’anno, secondo l’Organizzazione Mondiale per la Salute, soprattutto nei Paesi a basso e medio reddito. Dev’essere una priorità assicurare che sempre più donne possano fare i test dei geni e trattamenti preventivi per salvarsi la vita, qualsiasi sia la loro estrazione sociale, e ovunque vivano. Il costo del test, più di 3.000 dollari negli Stati Uniti, continua a essere proibitivo per moltissime donne."

Come un fulmine a ciel sereno, qualche tempo fa è stato pubblicato l’articolo scritto da Angelina Jolie sul New York Times dove l’attrice racconta la sua doppia mastectomia. Ha scelto di asportare entrambi i suoi seni perché ha un gene "difettoso", che la rendeva un soggetto ad alto rischio cancro al seno, malattia che ha ucciso sua madre, dopo anni di sofferenze. E il rischio che possa svilupparsi un tumore ora è decisamente basso: "Ho deciso di farmi asportare i due seni perché avevo un gene difettoso, ora il rischio di ammalarmi di cancro è sceso dall’87% al 5%. Ne parlo perché spero che altre donne possano aver un beneficio dalla mia esperienza. Ho scelto di essere proattiva e di ridurre al minimo il rischo. E ho deciso di ricorrere a una duplice mastectomia". Il lungo processo della doppia mastectomia è iniziato a febbraio ed è terminato il 27 aprile, ed è stato nascoto ai media sino ad ora. Ha scelto la strada della mastectomia soprattutto per i suoi 6 figli: "I miei figli mi chiedevano se la stessa cosa accaduta alla nonna potesse accadere anche a me".

La zia di Angelina Jolie, all’età di soli 61 anni, è morta a causa di un tumore al seno. Anche lei, come la mamma di Angelina aveva lo stesso gene malato, il BRCA1. Gene per il quale la Jolie si è sottoposta a una mastectomia doppia riducendo il rischio di cancro al seno dall’87% al 5%. Questa scelta ha sollevato non poche polemiche, ma dopo la morte della mamma e ora della zia, nel caso in cui venga accertata la presenza del gene difettoso, è il caso di riaprire la discussione sulla mastecotomia preventiva: via non obbligata oppure scelta necessaria? Secondo quanto spiegato dallo zio, Debbie Martin: "Se l’avessimo saputo prima avremmo fatto esattamente quello che ha fatto Angelina".

Lascia un commento

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Brad e il regalo sexy ad Angelina, lei: “Non vedo l’ora di...