A Ruota Libera, Elodie si confessa dalla Fialdini: “È stata dura, ho lottato”

Dall'infanzia problematica al lavoro di cubista, fino a Maria De Filippi: Elodie si confessa da Francesca Fialdini e parla della sua lotta contro i pregiudizi

Nuovo appuntamento con A Ruota Libera, programma di approfondimento e intrattenimento con al timone una splendida Francesca Fialdini. Come di consueto, la conduttrice ha portato nel tardo pomeriggio di Rai 1 diversi momenti interessanti: tra questi, l’intervista con Elodie.

Incalzata dalla Fialdini, ha fatto un vero e proprio percorso rispolverando i momenti più importanti della sua vita. Inevitabilmente, la cantante è tornata a parlare del suo passato problematico, ma stavolta ha confessato dei dettagli inediti.

Partendo dalla sua infanzia, ha spiegato come tutto ciò che ha vissuto all’interno del quartiere Quartaccio di Roma, tra attacchi da parte degli altri ragazzini e momenti di disagio per la sua famiglia fuori dagli schemi, le sia servito non solo per essere la persona che è oggi ma anche per vivere adesso in maniera quasi più spensierata:

Lo sanno tutti, ho avuto un’infanzia complessa: sono cresciuta in un quartiere popolare di Roma. Ho scoperto presto com’è l’essere umano, quindi fallibile, contorto. Per una bambina non è facile comprenderlo. Ma ora posso dirlo: a 30 anni vivo e gioco con lo stesso entusiasmo di una bambina. Mi sto riprendendo la mia infanzia.

D’altro canto, il fatto di aver avuto dei momenti complessi le ha dato una forza straordinaria e una capacità fuori dal comune di leggere l’animo altrui. La sua dote più grande è però l’empatia, come lei stessa ha avuto modo di dire nel corso dell’intervista:

Ero una bambina riflessiva, poco incentrata su me stessa. Sono molto protettiva, lo sono stata sin da piccola: do poco peso ai miei sentimenti e molto a quelli degli altri. Se vedo qualcuno che fa una prepotenza mi metto in mezzo, subito. Mi sono sempre scontrata con i pregiudizi, per questo ogni volta che c’è qualcosa del genere scatto. La gente è troppo clemente con sé stessa, ma non con gli altri. E questa cosa non la sopporto.

A proposito di pregiudizi, Elodie ha anche confessato di aver passato vissuto sulla sua pelle un momento particolare quando ha deciso di fare la cubista per affiancare il suo lavoro di cameriera e riuscire a mantenersi:

All’inizio non è stato facile: è stata dura, ho lottato con me stessa e con gli altri. Vedevo la gente che mi guardava come se fossi una facile. Non vedevo alcuna approvazione nel loro sguardo, ma mi è servito tantissimo a non farmi toccare da ciò che pensava la gente. Mi divertivo, lavoravo, non facevo nulla di male.

Proprio per il suo passato, Elodie ha sempre preso le parti delle persone più deboli e ha specificato di voler prendere posizione contro ogni tipo di pregiudizio. Infine, la cantante ha fatto un’altra confessione: dietro il suo sguardo deciso e il suo look mozzafiato c’è stata e talvolta c’è ancora una ragazza insicura, che ha dovuto lottare anche con sé stessa per arrivare dov’è oggi:

Le prime volte che cantavo ero spaventata. Mi tremavano le gambe, le braccia, i muscoli della faccia. Invece poi, le persone attorno a me, mi hanno fatta riflettere: mi hanno fatto capire che siamo noi il nostro limite.

Insomma, la cantante si è messa a nudo, sotto gli occhi incantati della Fialdini che, dal canto suo, le ha augurato un futuro meraviglioso. Auguri ai quali non si può che unirsi.

Elodie

A Ruota Libera, l’intervista di Elodie

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A Ruota Libera, Elodie si confessa dalla Fialdini: “È stata dur...