Perchè scegliere un materasso in lattice (e quando invece no)

Se stai pensando di acquistare un materasso in lattice, ecco tutto quello che devi sapere prima di scegliere.

Foto di Simona Bondi

Simona Bondi

Esperta di risparmio

Da sempre sono appassionata del mondo del risparmio: trovare offerte e modi per risparmiare è la mia filosofia di vita.

I materassi in lattice offrono numerosi vantaggi, ma non sono il materasso ideale per tutti. Disponibili nella versione matrimoniale e singola, ecco i pregi e i difetti di questo prodotto, per chi è consigliato e i prezzi di vendita.

Materassi in lattice: come sono realizzati

I materassi in lattice sono realizzati con una lastra interna in lattice ed altri materiali, come il poliuterano espanso, ovatta di poliestere e cotone per il rivestimento. Servono infatti altri componenti per consentire al lattice (che è un materiale liquido) di solidificarsi.

La sostanza estratta dall’albero della gomma, bianca e dalla consistenza vischiosa, viene lavorata e trasformata in una morbida schiuma con un trattamento ad aria compressa. In questo modo il materasso diventa soffice e aerato, ideale per garantire ottimi e rigeneranti sonni anche nei periodi più caldi dell’anno.

La schiuma di lattice viene compattata e solidificata, rendendola così un unico blocco leggero e spugnoso, prima di essere “vulcanizzata” per dare alla lastra in lattice resistenza ed elasticità.

Quando ci apprestiamo a scegliere un buon materasso in lattice può capitare di imbatterci in definizioni tipo “materassi in schiuma di lattice” o “materassi in 100% lattice”. Le diverse terminologie potrebbero indurre chi non è addetto ai lavori a presumere che possa trattarsi di elementi diversi tra loro, mentre in realtà questi sono solo sinonimi di un unico oggetto. In effetti, come abbiamo visto, la schiuma di lattice altro non è se non la sostanza estratta dall’albero della gomma e poi lavorata: non può bastare per farci sapere se quello che abbiamo di fronte è un materasso lattice naturale o di sintesi.

A fornirci questa indicazione sarà invece la denominazione specifica che, ai sensi dell’art.684/2001, identifica la composizione del prodotto. Possono essere immessi nel mercato materassi in lattice matrimoniali o singoli con la denominazione di “materasso tutto lattice” o “materasso 100% lattice” quei prodotti che hanno un’anima di lattice (naturale o di sintesi) di almeno 10 cm di spessore. Se oltre ad avere l’altezza minima richiesta include almeno l’85% di lattice di origine naturale, l’articolo potrà fregiarsi della caratteristica di “origine naturale”.

Materassi in lattice: pregi e difetti

I materassi in lattice sono particolarmente indicati per chi soffre di allergie al polline e alla polvere e, essendo ergonomici, ci aiutano a dormire meglio. Possono rivelarsi la scelta perfetta anche per chi soffre di asma, perché grazie alla loro particolare forma spugnosa e simile a un alveare, permettono di avere un buon ricambio d’aria, evitando così che il sudore ristagni creando un ambiente favorevole alla formazione di germi e batteri. Sempre grazie a questi speciali “canali di aerazione” i materassi lattice matrimoniali o singoli sono particolarmente indicati per garantire un buon sonno quando le temperature si fanno torride.

La sua particolare morbidezza e flessibilità inoltre, gli permette di adattarsi alla posizione del corpo. Quando viene sottoposto alla pressione del corpo, un buon materasso in lattice riesce a modellarsi perfettamente alle curve di braccia, spalle e gambe, regalando posture ideali per un riposo rigenerante e grandi benefici alla circolazione.

Questa sua particolare caratteristica però, rappresenta al tempo stesso un “difetto” poiché richiede una particolare attenzione nella sua manutenzione. Se nel letto abbiamo un materasso di questo tipo dovremo ricordarci di rivoltarlo ogni 2/3 settimane, invertendo anche testa e piedi, per evitare che si deformi.

Per mantenere intatta la sua capacità di aerazione poi, bisognerà ricordarsi anche di farlo “respirare” per qualche ora: una volta alla settimana è sufficiente lasciarlo senza coperture e con la fodera aperta per garantirsi ottimi riposi.

Ma il materasso in lattice naturale è davvero ideale per tutti? Purtroppo no. Sebbene si tratti di un prodotto ergonomico potrebbe non rivelarsi la scelta migliore per tutti. In genere si sconsiglia l’utilizzo ai soggetti particolarmente sensibili a questa sostanza, che potrebbero sviluppare reazioni allergiche. Se proprio si desidera un materasso in lattice, in questi casi, è preferibile ricorrere a un articolo in lattice sintetico.

Viene generalmente sconsigliato l’impiego di un materasso in lattice quando siamo in presenza di un letto a piano intero, su reti con doghe troppo larghe o con cassettoni contenitivi sotto alla rete. Questo perché il materasso in lattice necessita di sufficiente aerazione per eliminare l’accumulo di vapore acque accumulato nelle ore notturne, che altrimenti finirebbe per causare la formazione di muffe.

Materassi in lattice: come sceglierli

Come scegliere il miglior materasso in lattice? Sia nei negozi tradizionali che in rete le offerte non mancano. Può capitare anche di imbattersi in promozioni materassi lattice che propongono articoli a meno di 100€. Tuttavia il nostro consiglio è sempre quello di evitare gli estremi: un articolo scadente avrà un costo sicuramente inferiore rispetto a uno di buona qualità, ma al tempo stesso sarà destinato a una minore durata e non potrà garantire gli stessi benefici di un prodotto di qualità.

Materassi in lattice prezzi

Nei prezzi materassi in lattice influiscono diversi fattori, tra i quali le dimensioni. Un materasso matrimoniale lattice costerà certamente più di uno per il letto singolo.

Il prezzo medio dei materassini in lattice per letto singolo è di 250/300€, mentre per i modelli matrimoniali si può arrivare a 400/500€. In commercio è possibile anche trovare modelli a una piazza e mezzo, con cifre che oscillano intorno ai 250/300€.

Anche la composizione del materasso può influire notevolmente sul prezzo finale: il materasso in lattice di origine naturale avrà sicuramente un prezzo di vendita superiore a uno in lattice sintetico.