Lampadine led e a basso consumo: cosa devi sapere per risparmiare

Ti stai chiedendo se scegliere lampadine led o luci a basso consumo per l’illuminazione interna ed esterna della tua casa? In questo articolo vediamo di fare un po’ di luce su quali sono le caratteristiche delle varie lampade

Simona Bondi Esperta di risparmio Da sempre sono appassionata del mondo del risparmio: trovare offerte e modi per risparmiare è la mia filosofia di vita.

Ti stai chiedendo se scegliere lampadine led o luci a basso consumo per l’illuminazione interna ed esterna della tua casa? In questo articolo vediamo di fare un po’ di luce su quali sono le caratteristiche delle varie lampade per scegliere quelle che meglio rispondono alle tue esigenze senza commettere errori.

Basso consumo e tradizionali: le differenze

In passato esistevano solo le lampade tradizionali, ovvero quelle che avevano all’interno del bulbo di vetro un filamento al tungsteno. Conosciute anche come lampade a incandescenza utilizzavano gran parte dell’energia assorbita per scaldare il filamento, dissipandola poi sotto forma di calore: solo una piccola quantità dell’energia che consumavano era quindi destinata a trasformarsi in luce. Per comprendere lo spreco energetico che derivava dalle lampade a incandescenza basti pensare che della potenza assorbita solo il 5% veniva trasformata in luce, mentre il restante 95% era destinato a produrre calore.

Le lampade tradizionali, così poco performanti dal punto di vista delle prestazioni, sono state a poco a poco ritirate dal commercio e già dal 2012 sono praticamente scomparse dagli scaffali dei supermercati e da quelli dei negozi di articoli elettrici.

Al suo posto hanno fatto la loro comparsa le lampadine a basso consumo. Queste lampade sono facilmente riconoscibili perché sono formate da un tubo di vetro, che può essere lineare, circolare o ripiegato, al cui interno scorrono gas, vapori di mercurio e polvere fluorescente. L’esempio più classico di luce a basso consumo è il neon tradizionalmente montato sul lampadario della cucina o negli uffici, anche se la varietà di lampade a basso consumo non si esaurisce con i neon ma comprende in realtà una vasta scelta di modelli.

Lampade a basso consumo: le tipologie

Non basta dire lampade a basso consumo, perché in realtà queste si suddividono in tre diverse categorie, ovvero:

  • lampadine a basso consumo alogene
  • lampadine a basso consumo a fluorescenza
  • lampadine a basso consumo a LED

Alogene: caratteristiche, pro e contro

Il funzionamento delle lampadine alogene è, per molti aspetti, simile a quello delle luci a incandescenza. A rendere più efficienti queste luci rispetto alle obsolete è in realtà la presenza di una sostanza che permette al filamento interno di scaldarsi più velocemente e a temperature molto più elevate. Questo permette di avere un rapporto energia assorbita/luce prodotta del 15% contro il 5% delle lampade a incandescenza.

Anche la durata è maggiore: una lampada alogena riesce a fornire circa 2.000 ore di luce rispetto alle 1.000 di una tradizionale.

Tra i vantaggi offerti dalle luci alogene vi è la possibilità di prevedere un regolatore di flusso luminoso (o dimmer) per modificare la quantità di luce emessa (e quindi i consumi) in base alle esigenze ed ai diversi momenti della giornata. In pratica quando siamo intenti a lavorare o a leggere possiamo avere una luce intensa, che saprà trasformarsi in un fascio luminoso soft discreto quando invece ci riuniamo con i familiari sul divano davanti alla TV.

A Fluorescenza: caratteristiche, pro e contro

Spesso chiamate erroneamente lampade al neon o tubi al neon, anche se non sempre contengono questo gas al loro interno, le luci a fluorescenza sono in realtà lampade da cui la luce si diffonde grazie alla presenza di vapori di mercurio e materiali fluorescenti. Questo sistema per produrre luminosità attraverso le lampade a fluorescenza anziché attraverso un filamento al tungsteno ha permesso di alzare al 25% la percentuale tra energia assorbita e luce emessa. Questo permette alla lampada a basso consumo a fluorescenza da 20W di produrre la stessa quantità di luce di quella prodotta in passato da una lampadina a incandescenza da 100W.

Facile immaginare quale sia il risparmio energetico che offrono. Ma non è solo il risparmio economico a rendere molto più performante una lampada a fluorescenza rispetto a una tradizionale: minor consumo di energia si traduce anche in salvaguardia dell’ambiente.

Notevole anche la differenza sulla durata nel tempo: mentre una lampadina a incandescenza era destinata ad essere sostituita dopo circa 1.000 ore di luce, una a basso consumo a fluorescenza non richiede nessun intervento per 10.000 ore.

Tra gli svantaggi di questa tipologia di luci vi è la pericolosità di smaltimento: se è vero che può durare fino a 10 volte di più di una lampada a incandescenza, è pur vero che quando deve essere sostituita necessita di smaltimento come rifiuto pericoloso a causa della presenza di mercurio. Un altro aspetto negativo riguarda i tempi necessari per l’accensione: la lampada a fluorescenza necessita di alcuni secondi per raggiungere la sua massima luminosità.

A Led: caratteristiche, pro e contro

Il funzionamento delle lampade LED è caratterizzato dalla presenza di diodi, che sono alimentati da un circuito elettronico. Sono le ultime arrivate tra le varie luci a basso consumo e sono anche quelle più performanti. La tecnologia LED è notoriamente una tecnologia a freddo (avrai sicuramente notato che, contrariamente ad una lampada a incandescenza, quella LED può essere toccata anche mentre è accesa senza il rischio di scottarsi).

Questo avviene perché l’energia assorbita viene trasformata quasi esclusivamente in luce (e non in calore) permettendo a queste luci di offrire un risparmio anche dell’85/90%. In pratica sarà sufficiente una Luce LED da appena 10W per produrre la stessa quantità di luce di quella che veniva prodotta da una lampadina a incandescenza da 100W.

Anche la durata è notevolmente maggiore rispetto a tutte quelle finora analizzate: una lampada LED riesce a fornire fino a 50.000 ore di luce. Questo significa che, se accendessimo la luce 8 ore in media ogni giorno, avremmo una lampada in grado di garantirci un’illuminazione senza pensieri per quasi 18 anni. A questo si aggiunge il fatto che queste lampade raggiungono il termine del loro ciclo vitale con un degrado di appena il 20% perché, a differenza delle lampade a incandescenza, non sono sottoposte al degrado causato dalla bruciatura del filamento per cui l’emissione di luce sarà, anche dopo moltissime ore, quasi uguale a quella iniziale. Anche le luci led possono essere regolate di intensità attraverso il dimmer e non occorre attendere un po’ per avere il massimo livello di luminosità.

Altro aspetto da non tralasciare riguarda la totale assenza di radiazioni ultraviolette, con un beneficio enorme per la nostra pelle e per la salute. Grazie alla loro caratteristica assenza di emissione di raggi UV ed al fatto che non producono calore, le luci LED sono divenute nel tempo particolarmente apprezzate anche per l’illuminazione giardino. Queste due particolarità permettono infatti alle lampade led di non apparire affatto invitanti per le zanzare ed i tanti insetti che potrebbero rendere fastidiose le ore estive trascorse all’aperto.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lampadine led e a basso consumo: cosa devi sapere per risparmiare