I trucchi dei negozi per farti spendere di più

Offerte a volantino, prodotti in promozione, omaggi con acquisti: sono molte le strategie commerciali pensate per attirare i clienti. Ma hai mai pensato che esiste un altro lato della medaglia?

Simona Bondi

Simona Bondi Esperta di risparmio

Offerte a volantino, prodotti in promozione, omaggi con acquisti: sono molte le strategie commerciali pensate per attirare i clienti. Ma hai mai pensato che esiste un altro lato della medaglia? Eh, sì perché i supermercati adottano delle strategie, dei piccoli trucchetti per farti spendere di più. Vediamo insieme quali sono.

I trucchi per farti spendere di più

Uno dei primi trucchetti per farti spendere di più è quello del posizionamento sugli scaffali dei prodotti. Ci hai mai fatto caso che molto spesso i prodotti più economici sono posizionati in basso mentre quelli di marca sono centrali? Il motivo è palese: sopratutto quando andiamo di fretta diamo uno sguardo veloce agli scaffali e ci soffermiamo su ciò che incontra prima il nostro sguardo, ossia la parte centrale. Posizionando qui i prodotti più cari, o comunque di marca, saremo più propensi ad acquistarli.

Sempre in tema di scaffali, c’è un altro trucchetto che viene spesso messo in atto nei negozi: quello di tenere pochi prodotti economici o a marca GDO in modo da non dare alternative rispetto al prodotto più costoso.

Tutti i supermercati, dal piccolo punto vendita alla grande insegna, hanno i prodotti posizionati proprio accanto alla cassa (avancassa). Si tratta di caramelle, cioccolatini, gomme da masticare che spesso hanno un costo piuttosto basso. Il pensiero che molti hanno è “tanto costa solo 1€, non cambia molto”. È proprio su questa logica che si basa questo posizionamento che va, in molti casi, ad alzare lo scontrino di 1, 2 o anche 5 euro. Gli espositori avancassa contengono infatti prodotti di cui si intende stimolare l’acquisto di impulso: in realtà sono prodotti molto costosi (se si guarda il prezzo al chilo) mascherati da prodotti economici per le loro dimensioni ridotte.

Le fine offerte: presta attenzione a questi trucchetti

Non tutte le offerte sono davvero convenienti, anzi, alcune volte sono pensate appositamente per farti spendere di più.

Le promozioni 1+1, ad esempio non sempre sono vantaggiose: per essere sicura di risparmiare, tieni d’occhio il prezzo del singolo prodotto e moltiplicalo per due. Pagherai davvero la metà acquistando due confezioni? Se la risposta è no, beh, allora forse è meglio preferire un prodotto non in offerta, ma venduto al giusto prezzo.

Attenzione anche alle offerte “Spendi&Riprendi”: non sempre sono convenienti come sembrano. Siamo portati a credere che, di fatto, stiamo risparmiando il 50%. Spesso invece le cose vanno diversamente in quanto per utilizzare i buoni sconto ricevuti devi spendere un importo minimo di spesa. Facendo bene i conti, il risparmio potrebbe essere solo del 25%. Fai sempre bene i conti prima di aderire ad una promozione.

Altra tipologia di promozione a cui prestare attenzione è sicuramente quella del “tutto a…”. Dato il prezzo molto basso dei singoli prodotti (0,50 centesimi, 0,99 centesimi, eccetera) i consumatori tendono spesso a comprare molti pezzi per fare scorta. Occorre tuttavia fare attenzione a due cose: il formato e il normale costo di un prodotto simile non in offerta.

Ti faccio un esempio pratico: frequentemente durante queste promozioni si trovano biscotti, merendine o anche vaschette di affettati a 0,99 centesimi. Ma ci hai fatto caso al fatto che alcuni hanno un peso inferiore alla media o sono confezioni mono-porzione? Fai sempre un paragone con la normale grammatura e ti accorgerai che l’acquisto non è poi così conveniente, anzi, potrebbe costarti oltre 1/3 in più rispetto al prodotto sfuso.

Infine, ci sono i prodotti nelle ceste “a partire da”. Il posizionamento all’interno di questi contenitori che fanno apparire tutto un po’ in disordine è appositamente studiato. Mescolando prodotti dal prezzo più basso con quelli che costano di più, molto spesso si creano errori nella comprensione del costo effettivo dei singoli articoli. Fai sempre attenzione e controlla i singoli costi: “a partire da” non significa che tutto viene venduto a quel prezzo.

Vuoi saperne di più? Segui questo link e scopri tanti altri consigli dedicati al risparmio!

Simona Bondi

Simona Bondi Esperta di risparmio Appassionata di risparmio, dal 2008 gestisce il Blog DimmiCosaCerchi dove riporta iniziative promozionali dedicate al mondo del risparmio: campioni omaggio, concorsi a premio e buoni sconto sono all’ordine del giorno. http://www.dimmicosacerchi.it

I trucchi dei negozi per farti spendere di più